Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

La terza generazione vive già nella casa di Stanisław Marusarz di quasi 60 anni.
Tra i co-creatori della straordinaria leggenda di questa regione c'è Stanisław Marusarz, scomparso dieci anni fa, uno dei più eminenti sciatori polacchi, un grande atleta, quattro volte atleta olimpico (1932, 1936, 1948, 1952), vice campione del mondo di salto (1938) e 25 volte campione polacco ( 1931-52) in competizioni come: discesa libera, combinazione alpina, combinazione classica, salto, staffetta. Fu allenatore per molte generazioni di sciatori polacchi e uno degli eroi della seconda guerra mondiale, due volte decorato con la Croce del Valore (come corriere Tatra fu arrestato dalla Gestapo e condannato a morte, divenne famoso per la sua audace fuga dalla prigione di Cracovia a Montelupich) - insomma, un uomo pieno di passione per la vita e numeroso talenti, di raro fascino e carisma.La collina per il salto con gli sci a Wielka Krokiew a Zakopane ha preso il suo nome.
La casa di Stanisław Marusarz è sempre stata come un'acqua degli altipiani, che attrae con il suo splendore, aperta agli amici e gentile ai visitatori del paese e del mondo. Oggi, piena di ricordi, è ancora una casa viva. Una delle figlie di Stanisław Marusarz, Magdalena, vive qui con la sua famiglia.
- Nel luogo in cui sorge la casa, c'era il campo dei miei nonni - ricorda Magdalena. - Ricordo cumuli di fieno essiccato, una vasta vista sulle montagne e una bellissima, bellissima foresta - il luogo incantato della mia infanzia. Non c'erano molte case qui allora …
Oggi ne sono pieni, fortunatamente non sono riusciti a ostacolare la visuale della catena del Gubałówka. Il bosco però non è più lo stesso: è stato cosparso e calpestato dai partecipanti di numerose gite, e l'erba bruciata ad ogni passo testimonia le numerose feste qui organizzate accanto al fuoco. Tuttavia, la casa dei genitori della signora Magdalena è ancora attiva. Insieme ad altri rappresentanti dell'architettura in legno - numerosi a Zakopane e nei dintorni - è una testimonianza della maestria del mestiere da parte dei costruttori locali, conferma anche i vantaggi del materiale da costruzione in pino e abete rosso.
Casa con vista su Gubałówka e Giewont
La casa è stata costruita nel 1955. L'autrice del progetto era la moglie della famosa sciatrice Irena Marusarzowa, architetto di professione. La costruzione non durò molto e dopo soli sei mesi dall'inizio, la famiglia Marusarz poté trasferirsi nell'edificio che odorava di legno fresco.
L'edificio ha delle belle proporzioni: incastonato nel rispetto della tradizione locale, basso rispetto al suolo, resiste efficacemente al vento, che qui spesso viene applicato con grande forza. Costruito con anfibi di pino, con un tetto a due falde, è di scandole. Il suo progettista, rispettando i principi di base della costruzione locale, si è permessa di svilupparli in modo creativo. Poiché il più grande vantaggio della casa è la vista sulle montagne circostanti, ha sostituito le piccole finestre tipiche di un cottage degli altipiani con grandi vetrate che si aprono verso il vasto panorama di Gubałówka e le cime vicine.
Anche gli interni sono stati trattati fuori standard. La signora Irena ha deciso di rinunciare alla tradizionale divisione in stanze nella parte al piano terra della casa e ha separato solo la cucina dalla zona giorno aperta della casa. In questo modo, a metà degli anni Cinquanta, fu costruita vicino ai Monti Tatra una casa dalla forma quasi contemporanea; anche all'avanguardia, vista la moda allora universale - anche sui monti Tatra - per un'architettura completamente diversa.
L'ufficio di Stanisław Marusarz ad esso collegato era un prolungamento del soggiorno, costituendo una sorta di annesso aperto sul soggiorno. È qui che il campione ha posizionato le coppe, le medaglie e le decorazioni che ha vinto. Ci sono anche foto commemorative dell'anteguerra e un grande ritratto ad olio di Stanisław.
L'attico residenziale è stato organizzato in modo tradizionale dalla designer: c'erano stanze per i figli di Stanisław Marusarz - due figlie e un figlio - oltre al suo studio.
- Per quanto ricordo - racconta l'attuale padrona di casa - la maggior parte dei progetti dei miei genitori sono stati realizzati in questa casa. L'unica cosa che mancava era l'enorme palo di legno progettato vicino alle scale, che doveva essere decorato con sculture dell'eccezionale artista di Zakopane Antoni Rząsa. I genitori non avevano abbastanza soldi per ordinarlo.
È uno sciatore, è un alpinista,
non solo gli sci erano importanti nella vita di Stanisław Marusarz. Come si addice a un vero ospite, si è preso molta cura della sua casa e del giardino sul retro.
- Tutti gli alberi che crescevano così belli qui sono stati piantati da mio padre - ricorda la figlia. - Portò merli spiumati dalle valanghe e piante di vario genere da sotto i regli, che rischiavano di essere distrutti. Li accudiva con grande tenerezza, come bambini ammalati che hanno bisogno di essere ristabiliti ad ogni costo.
Nelle profondità del giardino, il famoso sciatore ha stabilito un apiario con i suoi alveari. Costruì anche un pollaio: sebbene le galline vivessero lì per un breve periodo, rimase un edificio ordinato che è stato recentemente ricoperto di scandole. Come ricorda sua figlia, l'ultima impresa edile di Stanisław Marusarz è stata la costruzione di un tetto sopra l'ingresso della casa. Quando lo ha eretto, aveva già più di 80 anni.
- A papà e mamma piaceva molto questa casa, e per noi, figli, qui c'era una terra meravigliosa e incantata - dice Monika. - Avevamo i nostri segreti nel folto dei cespugli e in inverno costruivamo igloo e tunnel nella neve. Abbiamo vissuto in un ambiente di natura ancora incontaminata, in una casa solitaria che stimolava l'immaginazione, con vista su Gubałówka, Giewont e sui Tatra occidentali. Allo stesso tempo, eravamo tra la nostra gente, nel centro storico di Zakopane: la "strada per Daniel" correva lì vicino, e dietro la collina, dove c'è un accesso alla valle di Strążyska, vivevano i genitori di mio padre.
Cambio della guardia all'incendio familiare
Magdalena è tornata a casa della sua famiglia su invito dei suoi genitori quando il suo primogenito aveva tre anni. I giovani sposi vivevano con il figlio in soffitta. E poiché la storia ama ripetersi, la signora Magdalena, come suo padre, ha scelto un architetto come compagna di vita. Fu lui a prendere il testimone dalla suocera e ad adattare la casa alle esigenze contemporanee della famiglia. Inizialmente, si trattava di piccoli cambiamenti che consentivano ai giovani di funzionare in modo indipendente a casa dei genitori. Lo studio della signora Irena è diventato un mini-soggiorno e una cucina è stata sistemata al posto della precedente stanza di suo fratello. Tuttavia, i grandi cambiamenti avvennero solo dopo la morte dei suoi genitori (Stanisław Marusarz morì nel 1993, sua moglie morì un anno dopo).
- Inizialmente, non siamo nemmeno scesi. È stato così difficile per noi venire a patti con il fatto che i miei genitori non c'erano più - ricorda Magdalena. - Con il tempo, però, abbiamo iniziato a cambiare casa a modo nostro.
All'inizio il bagno è stato ricostruito. Tutti gli impianti sono stati sostituiti e la stanza è stata dotata di moderni servizi igienici. Quindi i padroni di casa hanno iniziato a trasformare la cucina. In primo luogo, è stato incorporato nello spazio abitativo della casa rimuovendo le pareti che li separano e la stufa che consuma spazio. Al posto del vecchio muro, è stata creata una struttura in legno traforato con un piano e comode sedute di accompagnamento. La stanza dietro la cucina, che originariamente doveva servire come appartamento della tata, e in seguito diventata una tranquilla camera da letto per la signora Marusarz, divenne la camera da letto del Gądek. I giovani proprietari ampliarono anche il balcone mansardato, conferendogli il carattere di un terrazzo coperto.Tuttavia, il cambiamento più grande nella forma della casa fu la costruzione di uno studio di pittura per Magdalena. Sorse su un ampio garage, ampliato in modo da potervi collocare due auto.
Nel rispetto del passato, lo
Studio è una stanza ampia e luminosa. Il suo fascino è determinato dal frammento conservato del vecchio tetto, esposto all'interno, che originariamente da questo lato della casa scendeva quasi a terra. Il contrasto tra il muro bianco, levigato e intonacato, e la trama ruvida della scandola di legno scurita dal tempo, danno un effetto molto bello. È anche una testimonianza del rispetto per il concetto originario della casa, una traccia narrativa della sua storia.
Come ammette Magdalena: - Probabilmente il novanta per cento di ciò che è stato realizzato qui sono le idee di Krzysztof, cresciuto vicino a una segheria. Il suo fascino per il legno, l'ammirazione per il potere dei pini tagliati in anfibi e la loro bellezza naturale e grezza sono rimasti con lui fino ad oggi.
La maestria artigianale del padrone di casa è stata apprezzata anche dai professionisti. La casa di Stanisław e Irena Marusarz, che ha ricostruito, è stata nel 2002 tra gli edifici nominati per i premi al concorso di architettura "Zakopane all'inizio del secolo". Nella stessa competizione, Krzysztof Gądek ha vinto un premio per la costruzione di un edificio residenziale a Kościelisko a Szeligówka.
L'atmosfera di questa casa, sempre piena di persone interessanti, ha favorito lo sviluppo del talento della figlia di Stanisław Marusarz. Oggi, Magdalena è una rispettata creatrice di quadri dipinti su vetro e, insieme a suo marito, contribuisce all'ambiente artistico e intellettuale di Zakopane.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Dalla fine

Energico e spontaneo: allontanarsi dal lavoro…

Una lampada alla moda che puoi realizzare da solo

La lampadina, fino a poco tempo fa accuratamente nascosta sotto un paralume o paralume, oggi è diventata essa stessa una decorazione. Guarda come visualizzarlo in modo interessante. Questa lampada alla moda facilmente ...…

Cornice in schiuma

Per una foto di famiglia, un'immagine dipinta da un bambino: una cornice leggera. Nessuno sforzo o strumenti complicati. Costo dei materiali 10; tempo di esecuzione 1,5 ...…