Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

All'inizio degli anni '80, il famoso fisico Jacek Rayski partì con la sua famiglia in Irlanda. Da diversi anni gestisce una società di consulenza di successo, ma non ha mai interrotto i contatti con la sua terra natale. Negli ultimi tempi ha iniziato a venire in campagna sempre più spesso, anche per questioni professionali, e le sue trasferte erano solitamente accompagnate dalla moglie Jola, in cerca della sua patria. I soggiorni più frequenti e più lunghi in Polonia hanno spinto i padroni di casa a parlare dell'acquisto di un appartamento qui. Ovviamente solo Cracovia era coinvolta, con la quale la famiglia Rayscy è legata da generazioni.
Non c'è nessun posto come casa
Con il tempo anche i figli adulti dei nostri ospiti, che vivevano con loro in Irlanda, hanno cominciato a visitare sistematicamente Cracovia. In questa situazione, l'idea originale di acquistare un piccolo appartamento è stata rapidamente abbandonata. Sembrava impossibile tornare alla vecchia casa cubica dove viveva la famiglia negli anni '70. Quindi i piani iniziarono a costruirne uno nuovo. E i requisiti erano considerevoli, perché la casa doveva adempiere a funzioni di rappresentanza e fornire appartamenti confortevoli per due coppie sposate, a ciascuna delle quali piaceva molto avere amici. Doveva anche trovare un posto per uno studio di architettura e un comodo ufficio "ufficiale".
Il figlio di Jacek Rayski, Patryk - un architetto di professione - fu così coinvolto in questo progetto che lasciò il suo lavoro a Dublino e iniziò a cercare terreni e progettare una futura casa. Vecchi amici polacchi dei suoi genitori lo hanno aiutato a navigare nel folto di regolamenti e ordini stranieri.
Sebbene la ricerca della trama fosse già iniziata e si discutesse dei piani per la nuova sede, sua madre, la signora Jola, sognava ancora di tornare "alla vecchia spazzatura" - alla casa che suo padre le aveva costruito anni prima e in cui viveva l'intera famiglia prima di partire all'estero . Più spesso si parlava di progetti per una nuova costruzione, più spesso e con fermezza la signora Jola tornava all'idea di riavere la vecchia casa. Non si è arresa per così tanto tempo che ha convinto suo figlio alla sua idea, che ancora ricordava il fascino di vivere nel cubo di suo nonno costruito negli anni '70. Poi il resto della famiglia ha deciso di cambiare i loro piani.
Invece di costruzione - ricostruzione
Dopo aver riacquistato la casa, si prese seriamente in considerazione la completa ricostruzione del vecchio edificio, perché i sentimenti erano sentimentali, ma in esso tutto era sbagliato. Patryk, nonostante fosse ancora coinvolto in nuovi progetti, si è subito concentrato su questo compito, perché - come dice - non solo i bei ricordi hanno vinto, ma anche le possibilità di questo luogo che ha realizzato nella sua infanzia. Agata, anch'essa architetto di formazione, si è unita al marito in una fase avanzata di progettazione.
I loro percorsi per la professione erano completamente diversi. Due anni fa, Agata si è laureata con lode presso l'Università di Tecnologia di Cracovia. Durante i suoi studi ha completato diversi stage: ha trascorso un semestre nel 2002 negli Stati Uniti (College of Architecture and Design University of Tennessee a Knoxville), poi ha lavorato per alcuni mesi presso la società Ehrenkantz Eckstute & Kuhn Architects di New York, poco prima, nel 2000 - in Bruxelles presso CDG-Architects. Patryk, che è andato in Irlanda con i suoi genitori da bambino, ha studiato architettura al DIT Bolton, nel 1997-2002 ha lavorato presso Michael McShane Architects, e poi è stato assistente di Andrew Lohan presso Brazil Lohan Architects.
Si può scrivere poco di buono sull'architettura di una casa costruita negli anni Settanta. Un semplice cubo a due piani, con una scala rifinita con terrazzo grigio, che conduce a due appartamenti, e in ciascuno di essi - diverse piccole stanze. Fu così che furono costruite allora, e poiché il fatto stesso di costruire una casa era già altamente sospetto, solo pochi si permisero di deviare dall'ordinanza. In questo caso, il compenso per voli architettonici non altissimi è stato il silenzio, il bel verde e una vista imbattibile della città.
Demolizione e costruzione
Si è deciso di convertire il vecchio cubo in una villa moderna, ma la ricostruzione è stata ostacolata da uno dei pochi vantaggi della casa: una solida struttura tradizionale in cemento armato, non solo fondazioni e soffitti, ma anche esterni e alcuni muri interni. Per conferire alla casa un carattere rappresentativo e per creare uno spazio aperto e funzionale del soggiorno invece di piccoli cubicoli, è stato necessario demolire alcune pareti.
- Ciò ha comportato notevoli modifiche alla struttura dell'edificio e sembrava estremamente difficile - ricorda Patryk. - Altrettanto problematico è stato ottenere un'illuminazione adeguata. C'era solo una soluzione: sostituire i muri portanti che dovevano essere rimossi con una struttura in acciaio. E così al posto di alcuni muri c'erano cornici fatte di sezioni a I nella casa. Ciò ha consentito l'apertura del piano terra e una corretta illuminazione degli interni. Ovviamente, viste le nuove esigenze, abbiamo previsto anche l'ampliamento dell'edificio. Si è deciso di mantenere due piani e di ampliare il piano terra.
I cambiamenti più profondi, che hanno dato un nuovo carattere all'edificio, sono avvenuti al piano terra, dove sono stati aggiunti un foyer e una scala esterna leggera e traforata, e sono state "aperte" le scale che conducono al primo piano.
La proiezione delle scale esterne a forma di trapezio irregolare ricorda la forma del terreno su cui sorge la casa. Avevano una forma regolare nel progetto, ma ha iniziato a far male durante la costruzione. I progettisti hanno cercato di modificarli al computer, confrontando le loro idee con gli specialisti che lavoravano al piano di sotto, e alla fine hanno determinato la geometria della struttura in acciaio in modo che le sezioni a I avessero anche una funzione estetica. Grandi lastre di vetro, a protezione delle scale e del pianerottolo, sono inserite in telai di alluminio.
Da est - al posto dell'ex garage - al vecchio spezzone è stata aggiunta una sorta di abside su tre colonne in acciaio, a pianta semicircolare. Il diametro di questo semicerchio (6 m) corrisponde al giro delle ruote delle auto domestiche - e quindi facilita l'ingresso al garage e ai posti auto coperti situati su questo lato della casa.
Nella parte più bassa dell '"abside", al piano terra, è stato progettato uno studio, delimitato dal giardino da una vetrata di ampie finestre che scendono a terra. Sopra l'ufficio - al piano terra - c'è una cucina di rappresentanza con una striscia di finestre che illumina l'interno e una serie di mobili da cucina appositamente progettati. Enormi finestre del giardino d'inverno sulla parete opposta dell'edificio si aprono su una terrazza allargata con gradini che conducono al giardino. All'ultimo piano è stata predisposta un'ampia terrazza esterna.
Una vetrata efficace, che ha cambiato completamente il carattere dell'edificio, ha richiesto soluzioni di altissima qualità. La scelta delle finestre in alluminio è stata determinata dai loro eccellenti parametri di isolamento, che è stato di grande importanza per l'ampia superficie vetrata. Il grigio delle cornici si armonizza perfettamente con la fresca tonalità del gres sabbia, che rivestiva i terrazzi, il giardino d'inverno e le scale d'ingresso. Il pavimento della zona pranzo e del soggiorno è in listoni di mogano lamellare, il cui colore crea un forte contrasto con il gres porcellanato.
Le pareti esterne, coibentate con polistirolo, sono rifinite con intonaco acrilico rinforzato con rete in fibra di vetro. Il tetto piano con intradossi estesi è decorato con una lamiera di acciaio verniciata a polvere una tonalità di grigio leggermente più scura rispetto ai telai delle finestre. Le semplici balaustre in acciaio dei balconi del primo piano rimandano alla forma delle gronde.
Tempo di gioia
Dopo fastidiosi lavori di ristrutturazione, che - come di solito accade - hanno richiesto più tempo del previsto, gli abitanti della casa si godono l'aspetto rinfrescato della loro nuova-vecchia casa e ne godono tutto il fascino. Riposano nel giardino d'inverno, lavorano in comodi uffici adatti alle loro esigenze, ospitano amici e conoscenti senza disturbarsi (a volte in casa si svolgono due eventi sociali contemporaneamente), e quando vogliono il contatto con la natura, escono su una delle terrazze e oltre - al giardino.
Il verde intorno alla casa deve molto a Patryk e sua madre. Ha iniziato la lotta con erbacce e cespugli che invadevano la trama, ora è subentrato suo figlio, che si è rivelato un giardiniere diligente e premuroso. Oggi il giardino è un bel complemento all'edificio ed è l'orgoglio dei padroni di casa.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari