Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Beata e Zbigniew Piątkowie
La via di casa
Come abitanti di appartamenti inesperti, abbiamo utilizzato un progetto già pronto per la pianificazione della nostra prima casa. Abbiamo scelto una casa con una soffitta utilizzabile, perché mia moglie sognava un pavimento intimo. Purtroppo all'inizio non abbiamo prestato attenzione al fatto che la casa che abbiamo scelto aveva muri a ginocchio troppo bassi nel sottotetto, il che limitava lo spazio e la funzionalità del piano superiore. Fortunatamente l'abbiamo catturato durante la costruzione e, con il consenso del progettista, abbiamo alzato di circa mezzo metro le pareti del ginocchio. Di conseguenza, le stanze al piano di sopra sono ora comode e facili da organizzare. Sebbene il progettista fosse preoccupato che le proporzioni dell'edificio sarebbero state disturbate, siamo soddisfatti: la casa è meno tozza di prima.
Ammettiamo che nella scelta di un progetto siamo stati guidati dall'intuizione, non dall'esperienza. Da qui le correzioni aggiuntive e la decisione che se mai dovessimo costruire una seconda casa, ordineremo un progetto individuale. A nostro avviso, è possibile discutere e realizzare tutti i tuoi sogni solo in una conversazione diretta con un architetto. Nel nostro caso, si sono cristallizzati solo in cantiere.
Idee per ridurre i costi di manutenzione
Abbiamo fatto in modo che la manutenzione della nuova casa fosse più economica rispetto al vecchio appartamento. I nostri sforzi sono andati in due direzioni. Innanzitutto ci siamo occupati del solido isolamento dell'edificio. In secondo luogo, abbiamo utilizzato i più moderni sistemi di riscaldamento e ventilazione dell'edificio, che abbiamo inoltre supportato con sistemi automatici di illuminazione e controllo della temperatura nelle singole stanze.
Al posto dei muri a due strati con isolamento esterno in polistirolo proposti nel progetto, abbiamo realizzato pareti tradizionali a tre strati con uno spessore di 50 cm. Tra gli strati di blocchi di 25 e 12,5 cm di spessore, abbiamo posizionato uno strato di polistirolo di dieci centimetri e lasciato uno spazio d'aria di diversi centimetri. Grazie a questo cambiamento, abbiamo ottenuto pareti "calde" con un ulteriore vantaggio: uno strato esterno duro, che per noi era importante per ragioni funzionali. Abbiamo isolato la guaina del tetto con lana minerale (strato di 20 cm), ma dovevamo prenderne particolare cura: prima di applicare l'isolamento, abbiamo aggiunto ulteriori strisce (5 cm) alle travi spesse 15 cm.Avendo deciso di installare il riscaldamento a pavimento in tutto l'edificio (anche nei locali mansardati), abbiamo posizionato uno strato di polistirolo di dieci centimetri nel soffitto sopra il piano terra e sotto i solai al piano terra. Abbiamo isolato il soffitto sopra l'attico usando lo stesso metodo. In questo modo abbiamo ottenuto un buon isolamento orizzontale dell'edificio.
A causa dell'ampia superficie vetrata, abbiamo anche acquistato finestre in legno decenti con vetri "caldi".
Il denaro non è poi così terribile: la
mancanza di una rete di gas naturale nella nostra zona è diventata solo una ragione indiretta per l'installazione di una pompa di calore (con tre scambiatori verticali) e di un termocamino con camicia d'acqua. Fin dall'inizio siamo stati convinti di utilizzare sistemi di riscaldamento moderni ea risparmio energetico.
Il sistema di riscaldamento è completamente automatizzato e reciprocamente integrato e, sebbene attualmente costerebbe oltre 60.000, ci offre un ottimo comfort abitativo a bassi costi di esercizio. Di anno in anno scopriamo sempre di più che questo investimento ha ripagato, così come il moderno impianto di ventilazione (abbiamo scelto la ventilazione meccanica con doppio scambiatore a flussi incrociati). Con un isolamento termico così solido e la tenuta dell'edificio, la ventilazione meccanica con recupero di calore si è rivelata un bersaglio. Inoltre, rispetto ad altri dispositivi, era poco costoso (9.000).
Abbiamo anche istituito un contatore elettrico a due tariffe e dispositivi di riscaldamento programmati (e tutti gli altri) in modo che funzionassero a una tariffa più economica, il che riduce notevolmente le bollette elettriche (non superano i 3500 all'anno). Con questo in mente, abbiamo scelto elettrodomestici (lavatrice, lavastoviglie, cucina elettrica) che non sono solo efficienti dal punto di vista energetico, ma hanno anche un orologio automatico.
Un anno fa abbiamo installato dei collettori solari sul tetto di un garage staccato. Ora, tra maggio e ottobre, utilizziamo l'acqua calda gratuita, il che porta ulteriori risparmi.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari