Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

E 'così che vivevamo:
prima del nostro matrimonio vivevamo entrambi in case unifamiliari. A quel tempo, non pensavamo a dove avremmo voluto vivere in futuro.
Quando abbiamo creato una famiglia, non ci era chiaro se fossimo attratti dalla città o dalla campagna. Volevamo stare da soli, come si suol dire, e sembravamo indifferenti a dove sarebbe stato il "mio". Mentre vivevamo ancora con i miei genitori, stavamo cercando un appartamento in un complesso residenziale di nuova costruzione.
Ne abbiamo visti molti, ma ci siamo persi qualcosa in ognuno di loro. A quel tempo non sentivamo che l'inconveniente di tutti questi appartamenti fosse la mancanza di "respiro", libertà e contatto diretto con la natura, a cui eravamo abituati da bambini. Dopo molti tentativi falliti di acquistare un appartamento, abbiamo finalmente rinunciato. Abbiamo deciso di costruire una casa.
È stato molto più facile per noi che i nostri genitori ci assegnassero un appezzamento di terreno che era stato di loro proprietà per molto tempo. Fortunatamente per noi, l'appezzamento di terreno, situato su terreno agricolo, era "de-agricolo", più o meno quando ne diventammo proprietari.
La strada di casa
La trama ha una superficie di 1000 m2 - non è molto, ma è assolutamente sufficiente per noi, soprattutto perché sappiamo dall'esperienza dei genitori che prendersi cura del verde intorno alla casa è un lavoro duro.
Fortunatamente, non siamo stati scoraggiati dalla forma del terreno: separato dall'ex stretta striscia di campo, è largo solo 23 metri e molto lungo. D'altra parte, ha molti altri vantaggi che sono importanti per noi, tra cui l'accesso alle utenze: elettricità, gas, acqua, oltre a una posizione attraente su una strada non molto trafficata con accesso facile e conveniente alla città. Nel raggio di un chilometro ci sono anche: asilo nido, scuola, centro sanitario, ufficio postale e negozi di prima necessità - che per noi sono particolarmente importanti per i bambini.
Edyta ha trovato il design della casa finito. L'edificio non molto alto da lei proposto si inserisce nell'ambiente circostante, e lo spazio aperto del piano terra ci dà l'impressione di spaziosità, che apprezziamo molto. Ci è piaciuta anche la forma compatta dell'edificio: economica ed elegante.
La casa, nel rispetto delle condizioni urbanistiche a noi imposte, è stata eretta al termine del lotto, a 25 metri dall'ingresso.
Dal punto di vista degli ultimi tre anni, valutiamo molto positivamente questo allontanamento dalla strada: abbiamo una maggiore intimità e pace. La strada, sebbene non molto intensa, è percorsa 24 ore su 24, tanto più perché ci sono autobus extraurbani su di essa.
I soldi non sono poi così male
Volevamo che la casa fosse costruita con materiali solidi. Ho posto un accento particolare su questo, sostenendo che le finiture e il design degli interni possono essere modificati, peggio con le fondamenta, i muri e il tetto. Pertanto, abbiamo preferito non risparmiare sulla qualità dei materiali da costruzione, perché determinano la longevità dell'edificio e, per risparmiare, aspettare con finiture interne più lussuose.
Abbiamo capito subito che avremmo isolato accuratamente la casa per ridurre le bollette del riscaldamento. Si decise subito di rivestire il tetto con piastrelle di ceramica e di acquistare buoni serramenti.
Abbiamo iniziato un solido isolamento dell'edificio dalle fondamenta. Abbiamo scelto i blocchi Ytong per le pareti della casa, che hanno un buon isolamento termico e non necessitano di isolamento aggiuntivo con polistirolo o lana minerale. Abbiamo coibentato il tetto con uno strato di 25 cm di lana minerale.
Riscaldiamo la casa con una stufa a gas e solo nei bagni abbiamo il riscaldamento elettrico a pavimento. Utilizziamo un inserto per camini in ghisa (senza distribuire calore ad altri ambienti) ad hoc, ma è così efficiente che oggi ci dispiace non aver installato tubi di distribuzione del calore al primo piano.
Ci siamo trasferiti nel nostro primo nido familiare, completamente tutto nostro, cinque anni dopo il matrimonio. Oggi siamo molto contenti di questa decisione e la nostra gioia è condivisa dai bambini, Agatka di sei anni e Paweł di otto anni. Siamo anche riusciti a organizzare il nostro lavoro professionale in modo da evitare lunghi viaggi. Tutto ci ha convinto che se vuoi davvero qualcosa, puoi davvero fare molto e tutto può avere successo!
Incoraggiamo chi non ha paura di lavorare in casa e in giardino a seguire le nostre orme. Vale davvero la pena!

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

PATTERNS - Fiera del design di Varsavia

Il 22 giugno, le opere più interessanti di giovani designer saranno presentate nei moderni interni e nel giardino del Centro Culturale Praga Południe a Varsavia.…