Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Ingresso alla parte di edificio appartenente alla sorella progettista. Sopra la nicchia - una spaziosa terrazza accanto alla camera da letto principale. I garage con le tipiche finestre seminterrate si riferiscono a edifici del dopoguerra
L'ingresso alla parte principale della casa è sottilmente nascosto sul lato orientale della facciata
Una leggera illuminazione della facciata e una luce non troppo intensa che la sera illumina i dintorni intorno alla casa rendono questo luogo ancora più affascinante
Parte della facciata ovest, con una porta che conduce alla casa di mia sorella. Finestre rotonde-oblò appaiono anche in diversi punti dell'edificio. L'albero, che quasi tocca la facciata, è sopravvissuto perché i proprietari si sono dispiaciuti a tagliarlo
Il leitmotiv di questa architettura è il mattone, ed è in gran parte responsabile dei ricordi dei climi post-industriali che galleggiano qui.
Vista della zona salotto del soggiorno; in primo piano - un frammento della sala da pranzo. C'è il riscaldamento a pavimento in tutta la casa, ma dove ci sono assi o moquette sul pavimento, il calore fluisce dai termosifoni tradizionali
Sopra il soggiorno c'è una passerella industriale, suggestivamente ascetica, che conduce al soppalco. In futuro, i padroni di casa intendono organizzare uno studio nella stanza che termina la passerella
Un camino nel soggiorno situato sulla parete esterna
Piantina del piano terra
Piano mansarda

Certificato di costruzione Progettisti: concetto funzionale e spaziale e interni - Aneta Rajek Progetto
dell'edificio: architetto Leszek Lasota, costruttore Marek Turek
Superficie utile dell'edificio: 600 m2, composto da due appartamenti: 350 m2 + 250 m2
Area del lotto: 2500 m2
La signora Aneta è una designer di interni. Voleva vivere in un loft, da qualche parte vicino alla sua città natale Piła, ma in un luogo tranquillo e pacifico, lontano dal caos e dalla frenesia della civiltà. Non è facile trovare una vecchia struttura post-industriale adattabile al di fuori della città, quindi non sorprende che queste difficili ricerche non abbiano avuto successo. In questa situazione, è stato lasciato il compito di cambiare i sogni o adattare la realtà a loro, cioè costruire un loft da zero, come vedi, in conformità con ciò che sta giocando nell'anima. Non era un'idea presa dal soffitto, si riferiva al cosiddetto soft loft, ovvero nuovi edifici stilizzati come vecchi impianti post-fabbrica - interamente o solo in relazione agli interni.
Il frutto di questo progetto si è rivelato essere una casa, che è stata eretta su un terreno di 2,5mila metri quadrati circondato dal bosco. m2. La casa è sapientemente modesta nella forma, senza follia, non domina l'ambiente circostante, si sposa bene con gli abeti e le betulle circostanti, piena di luce e con uno spazio accogliente. Certo, può somigliare a una fornace, una stalla, un vecchio caseificio, ma senza dubbio completamente riciclato sul tavolo da disegno di un architetto contemporaneo.
Mattone, legno, pietra
L'edificio è stato realizzato sulla pianta della lettera L, la cui base, posta sul lato sud-est, è esposta come facciata principale. Questa parte della casa è il regno della signora Aneta, della sua compagna e di suo figlio. Mia sorella e la sua famiglia vivono nella seconda ala perpendicolare. - Ho costruito la seconda parte appositamente per mia sorella, in modo che in seguito la nostra vita da vecchi non sarebbe stata noiosa - ride l'autore.
Tuttavia, questa affermazione sembra dire qualcosa di più: rivela un modo di guardare la vita che va oltre il presente, il temporale, "qui e ora". Allo stesso modo, questa casa. Spostato dai vecchi tempi al 21 ° secolo, sviluppato in chiave moderna, e soprattutto ricco di materiali naturali, "a lunga distanza", convivendo in qualche modo con l'uomo e attraversando con lui le successive fasi di maturazione.
Mattoni negli interni (VIDEO)
Quando ci avviciniamo all'edificio, la cosa più evidente è l'onnipresente mattone. Da esso sono stati ricavati tutti i prospetti e buona parte delle mura interne. Non è un normale mattone, ma un materiale artigianale creato nella fabbrica belga di Vandersanden, che opera dal 1925. All'esterno contrasta perfettamente con la copertura grigio grafite dell'ampio tetto a due falde e gli accessori blu delle finestre divise da montanti. Al centro, rompe con successo con la parte bianca delle pareti, i motivi architettonici in acciaio sopra il soggiorno e numerose vetrate. Infine, sembra interessante l'ingresso principale della casa, sotto forma di una rientranza multidimensionale illuminata che invita all'interno.
Il legno è un altro materiale naturale, che in questo progetto è un riferimento frequente e un complemento al mattone. Li possiamo vedere, ad esempio, sotto forma di assi del pavimento all'interno e sul terrazzo adiacente al soggiorno, sulle scale che portano al primo piano e sulle pareti, e infine nelle capriate effettivamente esposte dall'interno del tetto, aggiungendo i suoi tre inferiori al carattere loft dello spazio. Il legno appare anche sotto forma di mobili (anch'essi impiallacciati, imitando qua e là il cemento, grazie al rivestimento che lo ricopre). Forse il legno dei mobili più spettacolare si manifesta sotto forma di un tavolo che organizza lo spazio nella sala da pranzo vicino al soggiorno. Il tavolo è lungo, in rovere, con bordi smussati, sostenuto da metà tronchi d'albero.È stato progettato da una designer di Częstochowa, Aneta Mucha.
Questa non è la fine della revisione delle "risorse naturali". Ci sono anche delle rocce nella casa, in particolare il granito nero assoluto, che è stato utilizzato sulla parte superiore del bagno personale del proprietario, sul rivestimento del camino e sul bancone della cucina. In questo bagno puoi persino sederti su qualcosa come una grossa pietra. E infine - piante verdi che completano il soggiorno e circondano la casa, anche nella forma di un ampio giardino che si estende dall'interno dell'edificio.
Creazioni loft
I materiali naturali non creano un'atmosfera rustica in questa casa, perché sono catturati da una modernità espressiva, stilizzata qua e là per il carattere post-industriale desiderato in un loft. Nel soggiorno, un caminetto in acciaio dall'aspetto "minaccioso" è stato aggiunto al muro di mattoni, simile a dispositivi di riscaldamento di fabbrica, e sopra la cucina a isola completamente funzionale e contemporanea ci sono lampade su elementi metallici, che possono essere associate alle gambe della versione domestica del film "Alien".
Tutto questo, ovviamente, come parte di un'altra caratteristica dello stile loft, il cui nome è "giocare costantemente con le convenzioni", la sensazione di poter fare qualsiasi cosa, incluso lo scontro degli opposti e una dose di follia.
La creazione di spazi sempre più nuovi, proprio come le decorazioni teatrali, si nota anche nella camera degli ospiti, che è completamente opposta alla camera da letto "industriale" dei padroni di casa, perché è tenuta in una calda tonalità, un po 'fiabesca, felpata.
Lavoro congiunto da anni
Lo spazio della casa è di 600 m2 di spazio che deve essere riscaldato in qualche modo. Il designer ha deciso di collaborare in questa materia con l'ingegnere Marek Turek. La stessa proprietaria, designer di interni, collabora da anni con affermati falegnami, si è occupata dell'arredamento della casa. Il lavoro congiunto dell'intero team ha portato a un edificio che piace alla vista e dà tregua - e spera anche che in un certo momento, quando arriverà il momento di rallentare e creare ricordi davanti al camino, la casa manterrà la sua bellezza, funzionalità ed estetica basata su materiali buoni e comprovati soluzioni ben ponderate.
Opinione del proprietario
Dopo due anni di vita in questo edificio, non cambierei nulla. La disposizione delle stanze funziona bene nella pratica, forse perché è il risultato di un'attenta considerazione.
Mi piace la primavera e l'estate a casa mia - quando finalmente puoi uscire in giardino, sederti la sera a lume di candela sulla terrazza, ascoltare i grilli … Ho
realizzato il mio sogno più grande: una casa che viva e piaccia alla vista. E non è che l'ho fatto. Ho appena fatto un sogno che ho costantemente perseguito passo dopo passo fino alla fine. Per citare le parole di un famoso psicologo: probabilmente non ha dato i suoi frutti … ma ne è valsa la pena.


Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Giardini mensili n. 01/2011 - e-gardens

Nel numero di, tra gli altri * Azalee - fiori che sbocciano in inverno, * Delphinium formicolio, * piante che decorano il giardino in inverno, * Mangiatoie per uccelli interessanti…

GIARDINO MENSILE 3/2011 - e-gardens

IN THE ISSUE INC.: * Pitture, vernici e impregnanti per la pulizia di primavera, * Larice - la conifera a più rapida crescita, * Bosso per bordi e siepi, * Nuove idee per ...…

Ogrody mensile n. 05/2011 - e-gardens

Nel numero, tra gli altri: * Malattie e parassiti delle siepi, * Colori del giardino roccioso - piante che fioriscono a maggio, * Lillà - belli e senza requisiti, * Come prendersi cura di un prato in ...…