Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Il terreno su cui è stata costruita la casa ha una posizione molto favorevole. Da un lato c'è una magnifica vista sui campi delimitati all'orizzonte da una linea di alberi, e dall'altro c'è un'alta scarpata, ricoperta da una foresta secolare. Tutto questo entro i confini amministrativi di Konstancin vicino a Varsavia, una famosa città di ville pre-belliche.
Il compito degli architetti che hanno progettato l'edificio era di inserire la casa in questo paesaggio unico. E bisogna ammettere che lo hanno fatto perfettamente. È stata creata una delle ville più interessanti della Konstancin contemporanea, che si rifà nel suo carattere alla tradizione di costruzione locale di oltre 100 anni.
Un po 'di Francia, un po' d'Inghilterra
I proprietari, sotto il fascino dell'architettura provenzale, hanno avuto un solo suggerimento quando hanno ordinato il progetto: che la loro futura casa si riferisse a quelle soluzioni stilistiche francesi, tenendo conto delle condizioni locali.
Gli architetti hanno presentato agli investitori due progetti. Uno, come richiesto dai proprietari, riferito direttamente ad una tipica casa provenzale, senza mansarda, con tetto in leggera pendenza. Il secondo, invece, era una sintesi dell'architettura francese e inglese che era stata costruita negli anni su entrambe le sponde della Manica. Contrariamente alla forma semplice e disciplinata della prima proposta, il secondo progetto era caratterizzato dalla sagoma pittoresca e notevolmente complicata dell'edificio.
- A Konstancin, le ville furono costruite in vari stili sin dall'inizio, ma poiché furono create dai più eminenti architetti dell'epoca, il tutto acquistò colore e bellezza unica. Abbiamo deciso che la villa da noi progettata, nel tipo di palazzi eretti su entrambi i lati del Canale, si inserirà bene nell'eclettico - nel senso migliore della parola - nel complesso Konstancin - afferma l'architetto Bohdan Ufnalewski. I proprietari furono d'accordo con lui e decisero di attuare quest'ultima proposta.
Dipinto con luci e ombre
L'edificio è stato costruito su una pianta a forma di L, con un tetto in tegole color grafite. La sua parte integrante è un garage nello stile dell'intero stabilimento. La casa, come i prototipi franco-inglesi, si distingue per una sagoma del tetto riccamente scolpita che domina l'intero layout. L'esteso tetto è otticamente più snello da camini molto alti dalla forma caratteristica, ricoperti di clinker.
Analogamente al rivestimento della casa, anche il suo corpo attira l'attenzione con i piani scolpiti delle pareti, sui quali la luce si rifrange in modo pittoresco, il che rende il corpo incredibilmente plastico. Dal lato dell'ingresso principale si apre un portico profondamente incassato sostenuto da quattro colonne che sorreggono il balcone, e sopra di esso si trova un bovindo triangolare con abbaini laterali. Dal giardino si apre un ampio porticato che copre una parte del terrazzo con colonne a sostegno del balcone, che si estende fino alla parete laterale. Il tutto è completato da vetrate di varie forme e dimensioni, cornici fortemente profilate e persiane in legno, che sono molto appropriate in questo paesaggio bucolico.
Una passeggiata nell'interno
Lo spazio della villa, pieno di luce che filtra attraverso le grandi finestre quasi quadrate, che incorniciano perfettamente frammenti del paesaggio circostante, sembra molto ampio.
Dall'androne si accede al piano rialzato, da cui si ha una bella vista sul giardino e un frammento di un pendio boscoso. Attraverso la porta del balcone, puoi uscire sul balcone che circonda questa parte della casa.
Sul lato destro dell'atrio è previsto un soggiorno lungo diverse decine di metri con una baia vetrata che si apre su un magnifico panorama unico nel suo genere di vasti campi. La sua bellezza è determinata, tra le altre cose, da un camino in pietra arenaria che si adatta perfettamente.
A sinistra del salone si accede ad un'ampia sala da pranzo con un grande tavolo per una dozzina di persone. Di norma, questo tipo di interni non offre la possibilità di soluzioni originali. Questo è il motivo per cui i designer hanno cercato (con grande effetto) di dare a questa stanza un po 'di originalità. Lo coprirono con un soffitto a travi in ontano nero, decorato con una sottile policromia da Dorota Zemla. Grazie a questo, la sala da pranzo ha acquisito un carattere intimo, è diventata più accogliente del resto degli interni domestici e irradia un'impressione del calore che qui regna.
Inoltre, superata la sala da pranzo, scesi tre gradini, la discesa conduce ad una spaziosa cucina collegata alla dispensa, e quindi al garage, che facilita notevolmente il trasporto delle vivande.
La cucina è il luogo più importante della casa descritta (non solo in termini di utilizzo, ma anche di estetica), perché è una sintesi di ciò che i proprietari intendevano e di ciò che sono riusciti a realizzare. È mantenuto in colori vivaci, con una predominanza di sfumature di bianco. Tutti i mobili da cucina, gli armadietti e i piani di lavoro di una famosa azienda britannica, riferiti a grandi e antichi design inglesi, sono stati portati dalle isole in pacchi e assemblati in un giorno. Il loro complemento e la più grande decorazione di questo posto è una stufa da cucina francese ricoperta da un'imponente cappa di arenaria. Sembrano i vecchi a carbone, con tubi e cassetto cenere, ma sotto l'involucro dell'epoca ci sono dispositivi all'avanguardia: piano cottura elettrico, grill, forno grande,uno scaldapiatti e un capo moderno utilizzato per mantenere la giusta temperatura delle pietanze.
C'è una zona pranzo nella rientranza vetrata che si affaccia sul giardino e il piano di lavoro centrale della cucina è adiacente a un tavolo da pranzo aggiuntivo. Sembra che sia in questo interno elegante, pieno di aria e luce, che si concentra la vita quotidiana della famiglia.
Il primo piano della villa è occupato da stanze private. Sono presenti le camere da letto dello stato della casa e delle figlie, i bagni e l'ufficio dei proprietari.
Aggiunta di tradizione
In tutta la casa ci si può sentire appartenenti a uno stile e una cultura materiale specifici, ma trattati in modo non rigoroso, e quindi colorati e sorprendenti con soluzioni. Accanto quindi a un soggiorno arredato in classico stile isolano, con comodi divani, un tavolino basso, quadri di alta classe alle pareti e tappeti orientali, per i quali i padroni di casa hanno un debole (oltre a una biblioteca ottocentesca salvata dalla devastazione e una pregevole toeletta di epoca Luigi XVI) , una stanza molto più vicina alla cultura mediterranea ha trovato posto - in uno stile arabo orientale, modellato sui bagni locali, e qui che funge da sauna, bagno e sala massaggi. È meravigliosamente situato,una baia di vetro con vista sul giardino e sugli alberi secolari del pendio aggiunge alla sua bellezza.
La cantina dei vini appartiene sicuramente alla tradizione provenzale. Massicce porte di legno conducono ad esso. Le sue pareti sono rivestite con mattoni di forma speciale intarsiati qua e là con pietre da campo, e il pavimento è fatto di lastre di granito. File di scaffali in legno sono riempiti con tipi selezionati di vino, il cui grande esperto è il signor Jakub, proprietario di un eccellente ristorante di Varsavia.
Originale come tutto qui è anche il recinto della villa. Gli architetti, volendo mantenere le tradizioni di Konstancin, hanno copiato la recinzione di una delle classiche ville locali su Chylicka Street. Invece di binari in ferro battuto insapore che fingono di essere un palazzo, la villa è circondata da una bassa staccionata in legno dipinta di verde (esattamente come quella, che oggi non esiste più), che non oscura la prospettiva del vasto orizzonte.
- Nuovo o vecchio e rinnovato? - una conversazione del genere è stata udita una volta all'ingresso della proprietà. I creatori della casa lo consideravano il più grande complimento, soprattutto perché prevaleva quest'ultima opinione. Ecco cosa intendevano! Dopotutto, sia i progettisti che i proprietari volevano che la casa diventasse parte delle tradizioni della città in cui è stata costruita il prima possibile e, quindi, della cultura materiale dell'Europa nord-occidentale. A quanto pare, ci sono riusciti completamente. Quello che generazioni lavorano altrove è stato realizzato qui in un edificio che ha solo dieci anni!
Aggiungiamo che il lavoro descritto degli architetti Bohdan Ufnalewski e Zbigniew Orliński occupa un posto d'onore nel monumentale libro "I dieci anni della Polonia indipendente 1989-1999" che riassume i risultati dei primi anni della rinascita della Polonia, pubblicato da United Publishers & Productions.


Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Colore e fantasia: verde oliva

Il verde è freddo, ma non il verde oliva, cioè con una goccia di giallo e grigio. La mescolanza di questi colori lo priva della sua freddezza, e quando aggiungiamo il marrone zenzero alla composizione, ...…

Appartamento: con un tocco parigino

Małgorzata, incantata dalla bellezza delle vecchie case francesi, ha voluto rievocare il loro stile elegante nel suo appartamento. Sebbene il blocco di nuova costruzione non sia vecchio ...…