Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Per anni, in Europa occidentale e negli Stati Uniti, c'è stata una moda per riportare in vita vecchi edifici residenziali e industriali. Non è mancata neanche la Polonia. Sempre più dilettanti dell '"antichità" acquistano palazzi fatiscenti, manieri, mulini e chiese. Anche ville eleganti, che possono essere viste meglio nelle città vicino a Varsavia - Konstancin, Milanówek o Podkowa Leśna. Tali investitori compaiono anche nelle città. Chi è interessato non solo a terreni di pregio, ma anche alla bellezza delle case antiche, intraprende ristrutturazioni di edifici costruiti negli anni prebellici.
Tornata in Polonia
Anni fa, la signora M. è emigrata negli Stati Uniti, dove dopo qualche tempo ha ottenuto un successo finanziario grazie al commercio immobiliare.
Durante la sua permanenza negli Stati Uniti, però, non ha trascurato i suoi vivaci contatti con il Paese, quindi era perfettamente consapevole delle possibilità del mercato immobiliare locale. Quando ha iniziato a svilupparsi rapidamente negli ultimi anni, soprattutto dopo l'adesione della Polonia all'Unione Europea, ha deciso di sfruttare il boom edilizio nazionale investendo nel settore immobiliare. Poiché l'attuazione di questi piani era associata a un soggiorno più lungo nel Paese, ha deciso di creare la sua seconda casa, accanto a quella di New York. Svolgendo affari principalmente nella capitale, è lì che ha acquistato una proprietà adatta alle sue esigenze.
Scegliere una casa
Grazie ai contatti nell'ambiente artistico preservati fin dalla sua giovinezza, la nostra eroina non ha avuto difficoltà a trovare un designer che, dopo aver concluso un apposito contratto, sistemasse gli interni o - se necessario - rinnovasse e ricostruisse i locali selezionati.
La Sig.ra M. ha affidato il compito di trovare un edificio adatto e prepararlo per le esigenze contemporanee, un'amica di lunga data, Teresa Rużyłło, una nota scenografa e designer di interni. È stata lei a trovare casa a Stara Ochota, a Kolonia Lubeckiego.
L'edificio risale al 1927 e ha uno stile modernista dell'epoca. A due piani, con garage, si erge in una fila di case gemelle, costituendo la sua proprietà d'angolo. Durante la ristrutturazione, la vecchia disposizione interna è stata in gran parte conservata, ingrandendo solo leggermente la cucina.
Oggi l'edificio ha 300 m2. Si compone di sei stanze, tre bagni, una cucina e ampi locali interrati che assolvono funzioni ricreative ed economiche. Un'ulteriore attrazione sono le immediate vicinanze del vecchio parco.
Teresa Rużyłło, responsabile dell'intera ricostruzione e ristrutturazione dell'edificio, ha goduto della piena fiducia degli investitori, così ha potuto realizzare pienamente le proprie idee. Il designer sottolinea che il budget dell'investimento praticamente illimitato è stato di grande aiuto, il che è una circostanza rara in questa professione. Naturalmente, ha consultato tutte le decisioni con la signora M. e suo marito, un designer di interni.
Fai risaltare la bellezza delle antiche mura
L'edificio era in cattive condizioni tecniche e sembrava molto trascurato. Doveva essere drenato e sporcato, inoltre necessitava di una nuova copertura del tetto, sostituzione di grondaie, intonaci, impianti e davanzali. Allo stesso tempo, tutti gli elementi che testimoniavano il suo passato sono stati accuratamente preservati. Pertanto, sono stati lasciati i pavimenti originali in legno e parquet, e dove le perdite erano significative, sono stati ricreati utilizzando gli stessi tipi di legno e mantenendo lo stile originale.
Nel dare forma agli interni, il designer ha seguito la strada della moderazione stilistica, colori e forme equilibrati. Crede che un interno così modellato, smorzato nell'umore, sia facilmente soggetto a trattamenti stilistici e possa soddisfare diverse idee estetiche e gusti. In un tale interno, puoi facilmente visualizzare qualsiasi mobile o oggetto decorativo degno di attenzione.
Ecco perché le pareti e gli infissi, le superfici delle porte e persino i pavimenti in parquet e le assi del pavimento sono mantenuti in una gamma di colori uniforme, discreta e chiara. Per diversificare il colore, le pareti sono opache e la lavorazione del legno è ricoperta di vernice lucida.
Simbiosi architettonica
La nota decoratrice Aleksandra Laska ha potuto implementare con successo il suo concetto di interni nelle stanze progettate con eccezionale sensibilità.
Lo specialista di interior design ha deciso di basare l'arredamento della casa sui contrasti.
- Ho sempre creduto che oggetti appartenenti a una tradizione o un'epoca diversa dall'interno che riempiono, purché autentici nel loro stile, non creino disarmonia, al contrario - stabiliranno un dialogo creativo con l'ambiente - dice Aleksandra Laska.
Questo modo di pensare era vicino agli investitori che, dopo aver trascorso molti anni a New York, hanno scoperto come buoni risultati siano la collisione di ciò che è vecchio (ci sono molte case unifamiliari più di 100 anni lì) con ciò che è nuovo (oggetti di eminenti stilisti contemporanei).
E così il camino che separa la sala da pranzo dal soggiorno è stato spogliato di ogni decoro per non distrarre dalla forma grezza del corpo. Inoltre, il sedile in plexiglass con uno stile raffinato di Opów è sia un oggetto funzionale che una forma scultorea espressiva. Allo stesso modo, nella camera da letto dello stato della casa, uno specchio rotondo, di dimensioni sorprendentemente ridotte, sospeso sopra una toeletta, fa da giocoso contrappunto a un grande letto incastonato sullo sfondo di un grande dipinto contemporaneo e ricoperto da un ricco copriletto. Il tutto è completato da due comodini realizzati in plexiglass trasparente, perfettamente neutro, che ne consente l'inserimento in qualsiasi configurazione stilistica.
Un soggiorno situato in una ex mansarda adibita a civile abitazione sembra essere una sintesi di tali soluzioni. La sua ampia superficie, ampliata dalla rivelazione della struttura del tetto, con pareti di colore chiaro, listoni del pavimento imbiancati e finestre dei balconi con vista sul giardino, crea uno spazio pieno di luce, favorevole al relax. Questa atmosfera è ben abbinata ai mobili qui raccolti, che è una combinazione del vecchio (armadio tra le due guerre, poltrona anni '60) con il nuovo (un divano rivestito con un tessuto luminoso e sedili in plexiglass che compaiono nella maggior parte delle stanze della casa). Il lampadario originale chiude la vista.
L'edificio è coronato da due terrazze alle quali si accede dal balcone della camera degli ospiti. Offrono un'ampia vista sul parco della tenuta e sugli antichi giardini adiacenti. Sono un accattivante complemento di questa casa, che combina in modo estremamente raffinato il fascino ritrovato dei tempi antichi con la bellezza del design moderno.










Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari