Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Prima di costruire la nostra casa, abbiamo vissuto con Aneta, mia moglie, per tre anni nella casa dei miei genitori a Breslavia. Poi siamo partiti per la Danimarca, dove abbiamo vissuto in un condominio per i successivi tre anni. Dopo il nostro soggiorno all'estero, non siamo tornati nella nostra città natale, perché ho trovato lavoro a Varsavia.
La strada di casa
A Varsavia, abbiamo subito affrontato la questione di come trovare un appartamento carino e poco costoso. Alla fine li abbiamo affittati nella vicina Piaseczno, dove costava meno. Allo stesso tempo cercavamo un trilocale (circa 75 mq), preferibilmente con giardino, che intendevamo acquistare come nostro. Dopo sei mesi, tuttavia, abbiamo scoperto che gli appartamenti sono troppo costosi e non soddisfano le nostre aspettative. Abbiamo deciso di investire nell'acquisto di un terreno e costruire una casa.
Abbiamo acquistato il terreno a buon mercato, perché non era dotato di utenze e, inoltre, al momento della conclusione del contratto e del pagamento anticipato, i suoi proprietari non avevano ancora espletato tutte le formalità relative alla divisione del terreno in singole proprietà. Abbiamo rischiato e poi, avendo diritto di prelazione, abbiamo scelto l'immobile migliore.
Abbiamo deciso di ordinare un progetto individuale. Volevamo uno spazio abitativo ordinato, non troppo grande (in modo da poter stare vicini gli uni agli altri ogni giorno), ma abbastanza spazioso da ospitare più ospiti. Dato che ci piace cucinare, abbiamo deciso di separare la cucina dalle altre stanze con una porta.
Abbiamo risparmiato spazio combinando varie funzioni in una stanza: ad esempio, una stanza di lavoro diventa periodicamente una stanza per gli ospiti, un grande armadio è un posto per cucire su una macchina e gran parte del garage è spesso una falegnameria. Abbiamo tre bagni, uno in comune al piano terra e due privati al primo piano.
Idee di risparmio
Abbiamo finanziato la casa con un prestito bancario, ma non avevamo abbastanza solvibilità per permetterci lo slancio. Quindi abbiamo dovuto rinunciare ad alcune spese e adeguare la qualità dei materiali alla realtà economica. Come parte del risparmio, abbiamo deciso di posticipare la fornitura di gas a casa nostra per il futuro (il collegamento stesso avrebbe dovuto costare fino a 25.000), e per ora installare il riscaldamento del camino con un inserto in ghisa e distribuzione del calore. Uno speciale ventilatore rende più facile "spingere" l'aria calda attraverso i tubi fino ai punti più lontani dell'edificio.
Quando si è iniziata la costruzione della casa, intendevamo erigere muri monostrato in cemento cellulare, ma il direttore dei lavori ci ha detto che a un prezzo simile è possibile erigere muri fatti di blocchi di ceramica, che a suo avviso non sono solo più sani, ma aumentano anche il valore di mercato della casa. Abbiamo deciso di ascoltarlo, tanto più che non si sa mai cosa porterà il futuro e se un giorno l'edificio dovrà essere venduto. Seguendo questa idea, abbiamo deciso di rifinire il tetto con una piastrella in ceramica più bella e resistente invece di una tegola in metallo.
Abbiamo fatto del nostro meglio per fornire una solida protezione dell'edificio contro la perdita di calore. Mio fratello - muratore di formazione - ci ha consigliato di utilizzare 12 cm di polistirolo per isolare le pareti. Il soffitto sopra il sottotetto ed i frammenti del tetto piano sono stati isolati con 20 cm di lana minerale. Abbiamo messo 10 cm di polistirolo sotto i pavimenti in legno, e abbiamo isolato i basamenti con 5 cm di polistirolo verticalmente. Abbiamo investito in finestre in legno con vetri U = 1.0.
I soldi non sono così terribili
Abbiamo ordinato un progetto individuale dallo stesso architetto che ha progettato il progetto pronto che avevamo scelto. Grazie a questo la nostra casa è esattamente come la volevamo e il progetto non è costato una fortuna.
Siamo soddisfatti del riscaldamento della casa tramite un caminetto a legna. Spendiamo solo 2.000 per loro. all'anno, bruciando da 15 a 20 m3 di legna.
Nei bagni abbiamo installato stuoie elettriche riscaldanti nei pavimenti per 2500, ma difficilmente le usiamo per paura di spese eccessive. Abbiamo persino iniziato a chiederci se non abbiamo buttato i soldi nello scarico quando abbiamo scelto le stuoie. D'altra parte, è stata una mossa saggia installare stufe elettriche a parete in bagno, perché forniscono calore e consentono di asciugare comodamente gli asciugamani.
Il mio hobby di falegnameria si è rivelato molto utile per finire la casa. Ho svolto molto lavoro da solo, ad esempio pavimenti in parquet in soffitta e davanzali, ho potuto anche occuparmi di falegnami professionisti.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Prima che venga creato il progetto della casa

Se formuliamo correttamente le nostre aspettative per il progetto e siamo aperti ai commenti e ai suggerimenti dell'architetto, abbiamo buone possibilità che la casa sia come ...…