Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

La via di casa
Andrzej e io abbiamo sempre vissuto in condomini. Prima con i genitori e poi in coppia, con i genitori. Fino a quando non siamo diventati indipendenti, siamo stati ospitati dai genitori di Andrzej. Certo, abbiamo iniziato a cercare il nostro appartamento, ma i prezzi non ci hanno fatto sperare in un trasloco veloce. E poi c'era l'opportunità di acquistare un appezzamento di terreno a buon mercato vicino alla città. Abbiamo deciso di investire e considerare l'acquisto di terreni come un investimento di risparmio.
Un lotto di quasi 2.000 m2 aveva accesso alla rete elettrica e gas, cosa che ha favorito la possibile costruzione della casa. Inizialmente, però, non ci abbiamo pensato affatto, temendo che non avremmo sostenuto i costi di costruzione o manutenzione della casa.
Non ci volle molto, però, quando osservando quello che stava succedendo sul mercato immobiliare e ascoltando quello che dicevano i nostri amici che vivevano in case unifamiliari, abbiamo iniziato a cambiare lentamente la nostra visione della casa.
La nostra avventura edile è iniziata con un'intensa lettura di riviste professionali di settore. Ma probabilmente non ci sarebbe nessuna casa fino ad oggi, se non per gli attuali vicini, che ci hanno offerto aiuto nell'espletamento delle formalità legate alla costruzione. È grazie a loro che le cose sono accelerate.
Non abbiamo nemmeno visto come tenevamo nelle nostre mani il permesso di costruire. Era difficile non vederlo. Così, insieme ad Andrzej, abbiamo deciso di iniziare la costruzione. I risparmi erano sufficienti per le coperture dell'edificio e abbiamo preso una costruzione e un mutuo ipotecario per finire l'edificio.
I soldi non sono poi così
male Il progetto finito, per una piccola somma di denaro, è stato trovato in una NICE HOUSE (n. 3/1999). Abbiamo scelto un edificio che abbia una netta divisione in una parte rappresentativa e privata, che può essere eretta in due fasi. Abbiamo deciso di adattare la soffitta più tardi, quando ci sono bambini nel mondo.
Poiché la nostra casa è stata costruita in uno spazio aperto, dove nulla è protetto dal sole o dal vento, abbiamo voluto un solido isolamento delle pareti. Allo stesso tempo, abbiamo pensato al risparmio. Pertanto, in consultazione con gli architetti, al posto di pareti stratificate in blocchi di ceramica, coibentate con polistirolo, abbiamo costruito pareti monostrato in blocchi di cemento cellulare (spessore 24 cm) con isolamento esterno (12 cm di polistirolo). La soluzione che abbiamo scelto si è rivelata più economica e allo stesso tempo - come ci hanno assicurato i nostri esperti - non c'era il rischio di aumentare la dispersione termica attraverso le pareti dell'edificio.
Abbiamo acquistato finestre in legno dignitose (U = 1,1) e posto 10 cm di polistirolo sotto i pavimenti del piano terra, e abbiamo isolato il soffitto sopra il piano terra con uno strato di polistirolo di cinque centimetri ricoperto di massetto di cemento. Faceva caldo all'interno della casa (21 ° C), ma ci aspettiamo che i 15 centimetri di isolamento in lana minerale della superficie del tetto, che abbiamo fatto quest'anno per avviare ulteriori lavori in soffitta, ridurranno i costi di riscaldamento. Lo scopriremo questo inverno.
La lettura dei giornali di costruzione ci ha fatto prendere in considerazione l'installazione di una pompa di calore, ma abbiamo trovato questa soluzione troppo costosa per noi. Avendo una rete del gas nelle vicinanze, abbiamo deciso di riscaldare la casa con il gas. I nostri amici che gestiscono un'impresa di costruzioni ci hanno consigliato di non risparmiare troppo sui dispositivi di riscaldamento e di acquistare subito una termocucina di buona qualità e un inserto per caminetto. Ci hanno assicurato che avremmo apprezzato tale scelta dopo le prime bollette e … avevano ragione.
Investimenti che riducono i costi di manutenzione
Poiché il nostro terreno si trova a 150 m dalla strada con reti di gas ed elettricità, al fine di ridurre i costi di collegamento della casa alla rete, abbiamo deciso di investire con i nostri vicini. Ha portato a risparmi misurabili. Abbiamo pagato 6000 per l'estrazione dell'allacciamento del gas insieme all'intera installazione nell'edificio e 3000 per l'installazione elettrica.I vicini sostenevano costi simili.
Nella nostra città mancava l'approvvigionamento idrico e la rete fognaria, abbiamo costruito un pozzo e un impianto di depurazione ecologico. Abbiamo investito nel nostro impianto di depurazione per evitare l'inconveniente di dover gestire una normale fossa settica e gli alti costi di smaltimento delle acque reflue. È stato davvero un occhio di bue, perché in quattro anni dopo il trasloco ne abbiamo spesi solo 150.
Due anni dopo esserci trasferiti, abbiamo collegato la nostra casa alla rete idrica appena creata. Abbiamo approfittato del fatto che le autorità del nostro comune hanno organizzato i sussidi dell'UE (SAPART) e l'intero collegamento ci è costato solo 1000.
Quanto alla prima casa, che, come si suol dire, è costruita "per il nemico", crediamo di esserci riusciti molto bene. Non possiamo immaginare di tornare al blocco e anche il pendolarismo non è un problema per noi, anche se ci spendiamo circa 500 al mese.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

PATTERNS - Fiera del design di Varsavia

Il 22 giugno, le opere più interessanti di giovani designer saranno presentate nei moderni interni e nel giardino del Centro Culturale Praga Południe a Varsavia.…