Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Tornando a casa
ho vissuto a Varsavia in un monolocale (34 mq) al sesto piano. Il rumore di Puławska Street era così fastidioso che quando ho avuto un appezzamento di terreno vicino alla città dalla mia famiglia, non ho esitato un minuto prima di costruire una piccola casa dove avevo intenzione di trascorrere la parte più calda dell'anno, da maggio a ottobre.
Perché ho ricevuto la donazione negli anni '80, quando sono stati acquistati i materiali da costruzione per i cosiddetti allocazioni, non ho potuto ottenere abbastanza lana minerale. Così ho isolato le pareti di legno nel vecchio modo prebellico: segatura mista a calce. Inizialmente, la casa era davvero piccola: solo 42 m2. In estate, quando l'enorme prato diventava un soggiorno aggiuntivo, la piccola area era sufficiente per me per vivere, anche se non c'erano dispensa vicino alla cucina, guardaroba vicino alla camera da letto e garage - in macchina.
Il mio pensiero sulla casa è cambiato solo quando ho deciso di viverci in modo permanente. Uno dei motivi di questa decisione è stato il mio bambino che è stato derubato più volte davanti a un caseggiato di Varsavia, e l'altro - una cagna incinta che si è allontanata da me e che non ho potuto portare con i cuccioli nell'appartamento al sesto piano.
I miei brevetti di risparmio
Spostarmi fuori città ha richiesto l'acquisto di una nuova auto in modo che potessi fare il pendolare per lavorare in sicurezza e in sicurezza, e in secondo luogo - espansione e solido isolamento dell'edificio. Ho dedicato il mio monolocale senza rimpianti al finanziamento di questi progetti. Il denaro ricavato dalla sua vendita è stato sufficiente per cambiare l'auto, isolare la facciata ovest del palazzo, aggiungere locali di servizio (guardaroba, dispensa, cantina e garage) sul retro dell'edificio e un ampio portico coperto sul fronte.
Ho già saputo che la mia casa è minacciata principalmente dai venti occidentali, motivo per cui è stata isolata da questo lato con uno strato di lana minerale di 10 centimetri, che è stato coperto con una nuova cassaforma di assi.
Sul lato nord, da dove in inverno soffia il gelo, ho realizzato una serie di locali di servizio, che non sono disturbati dal freddo possibile, e che hanno creato una zona cuscinetto ideale per la parte utilizzabile della casa. Allo stesso modo ho protetto l'interno dal freddo dal fronte: ho costruito un portico coperto lungo tutta la facciata, che d'estate lascio "traforato" per mantenerlo arioso, e d'inverno lo chiudo con le finestre.
I soldi non sono poi così male
Inizialmente ho riscaldato tutta la casa con stufe elettriche (convettori), perché mi sembrava che la costruzione di un secondo camino e impianto a gas sarebbe stata ammortizzata per troppo tempo. Si è scoperto però che nonostante la casa non fosse calda (al massimo 18 ° C), d'inverno pagavo fino a 500 al mese per l'elettricità, cioè 3000 per l'intero periodo di riscaldamento.
Troppo costoso, troppo freddo, ho pensato un giorno e ho iniziato a cercare dei risparmi. Dopo aver consultato i professionisti e la mia famiglia, ho installato un inserto per camini in ghisa. Ho scelto consapevolmente il caminetto norvegese, un po 'più costoso di altre offerte sul mercato, ma è stato collaudato e destinato a riscaldare un'area molto più ampia rispetto a casa mia. A causa dell'area piccola e aperta della casa, non ho utilizzato un sistema di tubi di distribuzione del calore: è stato sufficiente aprire la porta della camera da letto per rendere tutti i soggiorni sufficientemente caldi. Sono stato contento che bruciando 1 m3 di legna al mese (che costava solo 100!), A casa avessi una temperatura di 21 ° C. Solo il bagno era ancora riscaldato con la stufa elettrica.Un sistema di riscaldamento così misto ed economico ha funzionato perfettamente per diversi anni, ma due anni fa, poco prima del mio pensionamento, ho installato una stufa a gas monofase e dei radiatori. Fortunatamente sono riuscito a evitare di costruire un camino. La stufa più moderna richiedeva solo una buona ventilazione e lo scarico dei gas di scarico attraverso il muro esterno dell'edificio. Sebbene dovessi investire 9.000, l'impianto a gas mi ha liberato dal trasporto di legna e dal fastidio di accendere un fuoco due volte al giorno. Ero convinto della correttezza di questa scelta il prossimo inverno, quando per quattro giorni avevo la febbre altissima e non avevo la forza di muovere la mano, per non parlare di portare legna.tuttavia, due anni fa, poco prima del mio pensionamento, ho installato un forno a gas monofase e riscaldatori. Fortunatamente sono riuscito a evitare di costruire un camino. La stufa più moderna richiedeva solo una buona ventilazione e lo scarico dei gas di scarico attraverso il muro esterno dell'edificio. Sebbene dovessi investire 9.000, l'impianto a gas mi ha liberato dal trasporto di legna e dal fastidio di accendere un fuoco due volte al giorno. Ho scoperto la correttezza di questa scelta il prossimo inverno, quando per quattro giorni ho avuto la febbre altissima e non avevo la forza di muovere la mano, per non parlare di portare legna.tuttavia, due anni fa, poco prima del mio pensionamento, ho installato una caldaia a gas monofase e stufe. Fortunatamente sono riuscito a evitare di costruire un camino. La stufa più moderna richiedeva solo una buona ventilazione e lo scarico dei gas di scarico attraverso il muro esterno dell'edificio. Sebbene dovessi investire 9.000, l'impianto a gas mi ha liberato dal trasporto di legna e dal fastidio di accendere un fuoco due volte al giorno. Ho scoperto la correttezza di questa scelta il prossimo inverno, quando per quattro giorni ho avuto la febbre altissima e non avevo la forza di muovere la mano, per non parlare di portare legna.La stufa più moderna richiedeva solo una buona ventilazione e lo scarico dei gas di scarico attraverso il muro esterno dell'edificio. Sebbene dovessi investire 9.000, l'impianto a gas mi ha liberato dal trasporto di legna e dal fastidio di accendere un fuoco due volte al giorno. Ho scoperto la correttezza di questa scelta il prossimo inverno, quando per quattro giorni ho avuto la febbre altissima e non avevo la forza di muovere la mano, per non parlare di portare legna.La stufa più moderna richiedeva solo una buona ventilazione e lo scarico dei gas di scarico attraverso il muro esterno dell'edificio. Anche se ho dovuto investire 9.000, l'impianto del gas mi ha liberato dal trasporto di legna e dal fastidio di accendere un fuoco due volte al giorno. Ero convinto della correttezza di questa scelta il prossimo inverno, quando per quattro giorni avevo la febbre altissima e non avevo la forza di muovere la mano, per non parlare di portare legna.quando ho avuto la febbre altissima per quattro giorni e non ho avuto la forza di muovere la mano, figuriamoci portare legna.quando ho avuto la febbre altissima per quattro giorni e non ho avuto la forza di muovere la mano, figuriamoci portare legna.
Ora ho in programma di sostituire le finestre con altre più moderne ea risparmio energetico. Li acquisterò a rate o in lotti, a partire dalla facciata orientale, protetta dai venti solo da una fitta macchia di verde.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

PATTERNS - Fiera del design di Varsavia

Il 22 giugno, le opere più interessanti di giovani designer saranno presentate nei moderni interni e nel giardino del Centro Culturale Praga Południe a Varsavia.…