Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Abbiamo vissuto così,
da quattro anni, cioè dalla data del nostro matrimonio, viviamo con i genitori di mia moglie in una casa unifamiliare: 100 mq, con giardino e garage. Questo è uno dei tanti edifici post-tedeschi che i nuovi arrivati nei territori riconquistati occuparono subito dopo la guerra. Quella alla periferia di Breslavia piaceva al nonno di Małgosia e oggi vive lì la terza generazione del dopoguerra. È accogliente, ma ha vecchie installazioni e in inverno devi bruciare la stufa ogni giorno.
Sebbene vivessimo con i nostri genitori senza conflitti e stessimo tutti a nostro agio, dopo un po 'volevamo diventare indipendenti. Abbiamo sognato più di un bambino e una stanza con la famiglia, anche la più calda, non bastava.
La strada di casa
Innanzitutto, abbiamo esaminato le offerte degli sviluppatori. Non avevamo fantasie abitative. Come la maggior parte dei giovani, siamo stati guidati principalmente da vincoli finanziari. Avevamo quasi deciso di acquistare 50 metri nel blocco, ma si è scoperto che c'era un problema con il prestito.
E poi i miei suoceri sono venuti in aiuto. Una dozzina di anni fa, hanno depositato avanzi finanziari in un appezzamento di terreno. Hanno comprato un bel pezzo di terreno a poco più di due chilometri dalla loro proprietà. Si trattava di mille metri quadrati in un campo dove non erano ancora state fornite né elettricità né acqua.
Stavano già facendo acquisti pensando alla loro figlia e ora ci hanno promesso la terra, a patto che ci costruiamo sopra, non la vendiamo. Casa? Non abbiamo pensato affatto a lui prima. Sembrava essere qualcosa di completamente inaccessibile per noi, è rimasto nella sfera dei capricci irreali.
Il denaro non è poi così
male, l'appezzamento di terreno fornito è stato per noi un forte impulso a cambiare il nostro modo di pensare. Inoltre, quando abbiamo iniziato a contare, si è scoperto che non c'è una così grande differenza tra l'acquisto di un nuovo appartamento in centro e la costruzione della propria casa. È così che è iniziata l'avventura edilizia per il terzo anno.
Il terreno l'abbiamo già attrezzato, perché nel frattempo altri acquirenti hanno acquistato terreni vicini e hanno iniziato a costruire anche qui. Nella primavera del 2003 abbiamo iniziato a sbrigare tutte le formalità, abbiamo richiesto le condizioni edilizie, poi abbiamo richiesto gli allacciamenti alla centrale elettrica, alla centrale del gas … Ci siamo imbattuti nel progetto per caso. Nella "Gazeta Wyborcza", che leggiamo regolarmente, c'era un inserto con disegni di case unifamiliari. Sebbene prima non avessimo una visione specifica della nostra futura casa, quando abbiamo visto Wisienka lo sapevamo immediatamente: questo è tutto. Il punto di forza del progetto è la sua compattezza: lavoro nel settore edile, quindi mi rendo conto che una casa con una superficie di 100-140 metri, prevista,senza costosi bovindi e stranezze, non sarà terribilmente costoso. Successivamente, ho segnalato a mia moglie altri progetti per la sua opinione, ma alla fine siamo rimasti con la nostra prima scelta. Abbiamo cambiato solo una cosa: invece di un posto auto coperto, abbiamo deciso di avere un garage doppio.
Una squadra di muratori professionisti ha eretto una casa di 138 metri fatta di blocchi di Ytong e il tetto è stato posato da roofer. Ho anche assunto specialisti per l'installazione e l'intonacatura, ma cerchiamo di fare il più possibile noi stessi, nel sistema economico. Abbiamo coinvolto anche la famiglia: lo zio, che è un designer, è il responsabile ufficiale del sito; nostro cugino e nostro suocero ci aiutano. Insieme isoliamo il sottotetto (io ci metto lana di vetro spessa 23 cm, mettiamo noi stessi i tramezzi in cartongesso, installiamo porte, tinteggiamo i locali e sistemiamo i pannelli. Questo allunga i tempi di costruzione, ma garantisce un notevole risparmio.
In fondo abbiamo previsto un soggiorno di 28 metri con angolo pranzo, camino e annesso terrazzo. Abbiamo resistito alla tendenza della cucina aperta. Nella sua casa di famiglia, Małgosia si è abituata al fatto che la cucina è un regno per una sola persona, cioè per lei. Dietro la cucina c'è un piccolo locale caldaia e lavanderia e una discesa in una piccola cantina, tre metri per tre. Non c'era nessun piano per lei, ma mio suocero ci ha convinto che dovevamo posizionare i suoi cannoni con cetrioli e lamponi da qualche parte … Poi c'era un bagno con doccia, una stanza per Michałek di 2,5 anni e una camera da letto con accesso al giardino. Nella mansarda ci sono tre camere da letto e un ampio bagno.
Abbiamo un giardino in regalo - la nostra amica in bioarchitettura ha fatto la sua tesi di diploma, progettando e allestendo composizioni di abete rosso, tuia e querce che crescono qui. Pianteremo rododendri sotto le finestre della cucina, dove è particolarmente silenzioso, e ci sarà anche un giardino con fragole, ribes e cetrioli.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Numero 5/2007

Piccole cucine: modi comprovati per organizzarle * 6 idee per una sala confortevole e piacevole * Bagni perfettamente illuminati * Blu, turchese, verde - ...…

Cavernicoli

Ho camminato lontano per prendere l'albero. Stavo portando l'acqua dalla fontana. Ho trovato tutta una serie di belle pentole e padelle, credo che qualcuno stesse pulendo la cucina…

Inno alla gioia

Tornano gli ornamenti rococò, e con essi forme libere e asimmetriche e colori saturi di luce. Alcuni stili non invecchiano mai.…