Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Quando i nostri ospiti sono partiti per un viaggio in Masuria alla ricerca di un rifugio estivo, non sapevano che sarebbe stato uno dei viaggi più importanti della loro vita. Vivevano pacificamente in una città vicino a Varsavia, giustamente chiamata Radość e non pianificavano alcuna rivoluzione nel loro mondo.
All'inizio della strada si sono ritrovati in una piccola fattoria di un piccolo paese del comune di Piecki. A loro piaceva, perché la casa era situata nel centro del paese, all'incrocio di cui una portava direttamente al vicino lago. L'agriturismo era magnificamente situato su una dolce collina. Hanno chiesto con entusiasmo alla proprietaria se stesse pensando di vendere la fattoria. Quando sono stati rifiutati, hanno inconsciamente cercato un altro posto simile.
La fattoria a un bivio Per tre settimane hanno viaggiato circa 5mila. chilometri - inutilmente. Imperterriti, si prepararono con calma a tornare, contando sulle "convocazioni" inviate.
Percorsero la stessa strada che li portò in Masuria. Guidati dal dito di Dio, hanno deciso di visitare ancora una volta la prima fattoria che hanno visto. La proprietaria li ha accolti a braccia aperte e … ha dichiarato di aver pensato a tutto e ha deciso di vendere il terreno con la casa. I nostri padroni di casa non hanno esitato nemmeno per un attimo, hanno subito versato un acconto e in dieci giorni sono diventati i legittimi proprietari di un'azienda agricola con una superficie di 2.5mila. m2 con un piccolo edificio residenziale in mattoni, stalla in mattoni e fienile in legno. È vero che tutti gli edifici necessitavano di una ristrutturazione generale, ma la casa poteva essere abitata.
Una nuova idea di vita
- Ho capito subito che sarei rimasta qui per sempre - dice la signora Barbara. All'inizio mio marito non credeva che avrei lasciato la città. Penso che abbia persino cercato di scoraggiarmi dal stabilirmi in Masuria, perché ha detto che dovevo iniziare trovando una fonte di reddito permanente.
La signora Barbara - una donna energica e testarda - aveva già una risposta pronta: una fattoria agrituristica, che sarà favorita dall'attraente posizione dell'habitat - in un pittoresco villaggio della Masuria ai margini della foresta Piska, a soli quattro minuti dal lago Mokre e vicino al leggendario percorso d'acqua sul fiume Krutynia.
Vedendo la grande determinazione di Barbara, il marito si è subito unito al lavoro "sul nuovo". Entrambi hanno iniziato con una grande pulizia degli edifici e della proprietà. Al posto del recinto del "pascolo", ne hanno messi di nuovi - su una fondazione fatta di pietre da campo e con binari di legno. All'interno della trama, hanno stabilito prati, un orto e giardini ornamentali.
Proprio dietro il cancello d'ingresso, hanno costruito una piccola cappella con una statua del Gesù Addolorato. La signora Barbara ha destinato la costruzione della vecchia stalla per il turismo. Dopo aver ottenuto le opportune autorizzazioni, la ristrutturazione è stata eseguita all'interno del contorno dei vecchi edifici e mantenendo la forma attuale dell'edificio.
Dopo che il tetto del fienile è stato smantellato, si è scoperto che i muri esterni dovevano essere rimossi, ma alcune partizioni potevano essere salvate. Dopo aver pulito i frammenti esistenti, i padroni di casa li hanno lasciati come ricordo dei vecchi edifici: oggi aggiungono carattere alle nuove stanze degli ospiti.
Il resto delle mura è stato demolito fino alle fondamenta. Successivamente, i basamenti esistenti sono stati scavati per rafforzarli e posare un adeguato isolamento. Durante questi lavori furono scoperte le fondamenta di un altro edificio, che prima era perpendicolare al fienile. I padroni di casa decisero che sarebbe stato un peccato coprirli di nuovo e, soddisfatti del ritrovamento, ampliarono il futuro piccolo albergo con un'ulteriore dependance.
Un nuovo stile masuriano
- Non volevamo, come fanno alcuni nuovi arrivati, costruire una villa vicino a Varsavia con una recinzione lavorata e sbarre alle finestre. Abbiamo pensato che avremmo provato la più grande soddisfazione quando avessimo sentito qualcuno dire: "Che bella vecchia fattoria. Com'è tenuta bene!" - dicono i proprietari.
Hanno coperto le fondamenta dell'hotel per gli ospiti con pietra da campo e sulle pareti, che erano isolate con polistirolo e intonacate con intonaco acrilico, è stato installato un manichino di un muro a graticcio con assi spesse. Ovviamente hanno coperto il tetto con tegole rosse. Hanno installato persiane in legno accanto alle finestre, che sottolineano ulteriormente il carattere rurale degli edifici. Alcuni anni dopo, hanno disegnato il condominio nello stesso modo. Prima del primo inverno, l'hanno dotata solo di nuove finestre (il signor Grzegorz ha acquistato finora quelle usate) e di nuove stufe in maiolica, in modo che tu possa passare l'inverno calorosamente a casa. Non hanno effettuato una ristrutturazione completa fino al 2001, dopo l'inizio dell'agriturismo.
Se vivi, è nella comodità
- Quando ho capito che mia moglie non sarebbe tornata a Varsavia, ho subito deciso di rinunciare al gravoso pendolarismo e di stabilirmi con lei in campagna - dice il signor Grzegorz.
Hanno quindi convenuto che la loro nuova casa rurale doveva essere confortevole come quella della città e, se doveva durare per il resto della loro vita, doveva essere funzionale e adattata agli standard moderni. Così hanno deciso di ristrutturarlo a fondo e, per ampliare leggermente lo spazio abitativo, adattare il sottotetto precedentemente inutilizzato.
I lavori sono durati tre mesi e mezzo, ma - come nel caso delle vecchie case - ci sono state delle sorprese. All'inizio, quando furono rimossi il vecchio tetto e il soffitto sopra il piano terra, si scoprì che i muri esterni, costruiti in mattoni, non erano uniti da una corona, quindi doveva essere costruito. C'era anche un problema con le fondamenta, che come si è scoperto richiedono non solo l'essiccazione ma anche un solido rinforzo; solo dopo questi lavori è stato possibile posare l'isolante.
A proposito, è stato effettuato un investimento importante per la famiglia: il seminterrato basso è stato approfondito, necessario per un locale caldaia con un forno per il riscaldamento centrale e un serbatoio dell'olio combustibile. C'era spazio anche per una lavanderia, un essiccatoio e una dispensa. I lavori sono stati eseguiti in sezioni: prima, sono state scavate le fondamenta dal basso e lateralmente, è stata posata l'armatura, quindi sono state cementate nuove sezioni dei banchi, e dopo il completamento di questi lavori sono stati installati l'isolamento e l'isolamento dall'umidità. Successivamente è stato realizzato un solaio in cemento al piano interrato (anch'esso con adeguato isolamento e coibentazione antiumidità), e successivamente è stato rifatto il soffitto sopra il piano terra. È stato adeguatamente isolato con lana minerale e pellicola e preparato per travetti e pavimenti in assi di legno.
Per il soffitto del piano terra e del primo piano sono state utilizzate travi intenzionalmente spesse, rimaste dopo la demolizione della vecchia. Quasi tutti sono in perfette condizioni, perché negli ultimi decenni sono rimasti bloccati con uno strato di calcare. Dopo la pulizia, il fissaggio e la verniciatura in marrone, diventano una vera decorazione di nuovi interni. I pannelli di cartongesso sono stati installati tra le travi e l'intero soffitto è stato isolato con lana minerale.
La struttura in legno del tetto è fissata con lamine speciali, coibentata con lana minerale (20 cm) e rivestita con una nuova piastrella in ceramica rossa dalla forma tipica della Masuria. Quello vecchio è stato utilizzato in un capannone autoportante di nuova costruzione in giardino, sotto il quale è stata posta una griglia fissa per gli ospiti. Il tetto della casa è più lungo e più largo di prima per drenare la pioggia oltre le pareti.
Le pareti interne dell'edificio sono state rifinite con pannelli di gesso e le pareti esterne sono state isolate con polistirolo e intonacate con malta acrilica. Anche qui le pareti del timpano erano rivestite con un muro con intelaiatura in legno.
La casa è allacciata alla rete idrica, elettrica e telefonica. C'è anche la possibilità di installare rapidamente un sistema fognario nel villaggio (con fondi dell'Unione europea).
Grazie alla riconversione del sottotetto ad uso residenziale, la casa dispone ora di 160 mq di superficie utile.
Attualmente, al piano terra si trovano: portico, ingresso, cucina, soggiorno con sala da pranzo, camera matrimoniale e bagno. Sulla collina ci sono: una stanza per sua figlia, che spesso viene qui a trovarla, un bagno e un ampio soggiorno dove Barbara gestisce il suo ufficio e dipinge.
Il proprietario è un artista dilettante e trascorre quasi ogni momento libero al cavalletto. Con gli artisti in visita nella sua fattoria (tra cui famosi pittori, scultori, musicisti e attori), spesso organizzava spontaneamente a casa, come lei stessa diceva, "serate artistiche e azioni folli". Nonostante i suoi obblighi nella gestione dei servizi turistici, è ancora piena di idee ed entusiasmo creativo.
Un viaggio indietro nel tempo
I nuovi proprietari non conoscevano da tempo la storia dell'azienda. Sapevano solo che era stata fondata nel 1932. Soddisfatti della nuova acquisizione, hanno chiesto informazioni sul destino dei loro predecessori nell'area, ma nessuno ha potuto dire loro nulla di specifico. Hanno solo saputo che una volta viveva qui un ballerino del famoso cabaret Qui Pro Quo. Ha organizzato un teatro e un circolo di casalinghe rurali nel villaggio e ha lasciato in eredità la casa di sua nipote alla fine della sua vita.
Tutto è cambiato il 21 maggio 2002, quando un gruppo di turisti tedeschi è apparso inaspettatamente davanti alla casa. Oggi Barbara mostra con orgoglio la lettera che ha ricevuto dopo questa visita:
"Signore e signori, (…) volevamo vedere brevemente come fosse la nostra casa di famiglia dopo 55 anni. Il vostro invito ci ha sorpreso e allo stesso tempo ci ha reso felici (…). Grazie per questo. Eravamo tutti orgogliosi di vedere che la nostra vecchia casa e il nostro giardino sono così belli e mantenuti in così buone condizioni (…). Le nostre congratulazioni. "

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Giardino giapponese - e-giardini

Il giapponese, sobrio e prudente per natura, crea un giardino secondo il principio: conoscere, riflettere e rifinire i dettagli. Non c'è spontaneità qui.…

Terrazza verde - e-giardini

Se la vista poco interessante dalla finestra non ti incoraggia a rilassarti sul balcone, è sufficiente creare uno schermo pittoresco.…

Un angolo fiorito - e-garden

Trasformiamo il luogo trascurato accanto alla fattoria in un angolo colorato che decorerà la zona d'ingresso della casa e amplierà il giardino.…

Sconto arbusto - e-giardini

Lo sconto con tulipani arancioni, gialli e rossi è un'ottima proposta per rallegrare l'inizio della stagione…