Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Questa casa padronale, situata su una collina di oltre cinquecento metri, è descritta in vecchi documenti conservati a Wawel come "residenza di un signore fatta di pietra e mattoni su calce, mattoni, un piano con due negozi e due scantinati in mattoni". Dalle finestre del palazzo rinascimentale, uno dei panorami più belli della Polonia si estende in ogni parte del mondo. Il dolce profilo delle colline Beskid Żywiecki che si trasformano in vaste valli segnate da foreste, separate qua e là da gruppi di alberi e arbusti, rendono questa terra simile a un enorme e romantico giardino all'inglese. E sullo sfondo del paesaggio bucolico ci sono le file frastagliate dei Monti Tatra ricoperti di fiocchi.

La storia non è solo una qualsiasi
È certamente la bellezza di questo luogo, oltre alla sua posizione strategica, che ha fatto erigere qui i fondatori un maniero difensivo. A tutt'oggi, è stata conservata la chiara disposizione del giardino rinascimentale con i caratteristici assi visivi. Permettono di contemplare la bellezza del paesaggio montuoso senza ostacoli.
Il maniero è collegato al villaggio di Wysoka, situato sulla strada da Jordanów a Spytkowice. Il nome compare per la prima volta in documenti del 1581. I proprietari dell'insediamento provenivano sempre da famiglie illustri e rispettate: Sierakowski, Stadnicki, Larnisch, Wąsik. Le ultime persone a coltivare qui furono gli Żeleńskis dello stemma Prawdzic. Nel 1944, il governo popolare li privò della loro proprietà e proibì loro di rimanere entro 50 km dalla proprietà confiscata. Da tempo nel maniero è stata allestita una scuola elementare. Successivamente, fino all'inizio degli anni '80, il monumento è stato utilizzato dall'Agenzia di viaggi e turismo "Almatur" dell'Unione socialista degli studenti polacchi, che ha portato l'edificio alla sua definitiva rovina.Dopo alcuni anni Almatur lasciò l'edificio. Uno dei pochi manieri difensivi in Polonia sembrava destinato allo sterminio.
Un monumento in buone mani Il
destino però si è rivelato gentile. Lo stesso vale per la famiglia Pilch, gli attuali proprietari del maniero, che hanno acquistato la rovina con gioia ed entusiasmo.
- È un bisogno interiore di unirsi alla corrente delle generazioni, la volontà di riportare in vita ciò che testimonia la storia della famiglia, e ciò che sembrava essere irrimediabilmente perduto e dimenticato, che ci ha portato a Wysoka - dice Antoni Pilch. Il suo interesse per la tradizione, penetrando nel profondo del suo passato familiare (così come dei suoi coniugi), ha definito i gusti, l'amore e le aspirazioni dell'attuale comproprietario di Wysoka.
Proveniente da Przemyśl (nato nel 1949), è cresciuto in una famiglia di intellettuali che viveva nel cerchio dell'antica cultura galiziana, combinando armoniosamente elementi polacchi e ucraini, così come molte altre nazioni del sud-est. Era consuetudine fare musica insieme, leggere libri ad alta voce, ascoltare storie e discutere al tavolo della festa. Dopo essersi diplomato al liceo di Przemyśl, Antoni Pilch è entrato all'Accademia di Musica di Cracovia. Prima di diventare un appassionato di musica rinascimentale, era un sostenitore dell'avanguardia nella sua forma aggressiva (inclusa la pizzicatura delle corde da una chitarra). Tuttavia, è diventato un liutista. L'unico e il primo da secoli in Polonia. La legge marziale lo trovò a studiare al Royal College of Music in Inghilterra. Dopo la laurea, è tornato in Polonia.Presto si è coinvolto con le persone di "Solidarietà" del circolo della cultura indipendente. Nello studio di St. Marek ha organizzato concerti di musica antica, canto, recitazione e poi spettacoli teatrali. Una delle partecipanti a questi incontri era Anna Madeyska, allora studentessa di teatro all'Università Jagellonica, privatamente pronipote di Henryk Sienkiewicz, e in un prossimo futuro moglie di Antoni Pilch. Già insieme nel seminterrato di ul. Kanonicza ha tentato con successo di organizzare serate di musica rinascimentale. È così che è stata fondata la Confraternita della liuteria.Una delle partecipanti a questi incontri era Anna Madeyska, allora studentessa di teatro all'Università Jagellonica, privatamente pronipote di Henryk Sienkiewicz, e in un prossimo futuro moglie di Antoni Pilch. Già insieme nel seminterrato di ul. Kanonicza ha tentato con successo di organizzare serate di musica rinascimentale. È così che è stata fondata la Confraternita della liuteria.Una delle partecipanti a questi incontri era Anna Madeyska, allora studentessa di teatro all'Università Jagellonica, privatamente pronipote di Henryk Sienkiewicz, e in un prossimo futuro moglie di Antoni Pilch. Già insieme nel seminterrato di ul. Kanonicza ha tentato con successo di organizzare serate di musica rinascimentale. È così che è stata fondata la Confraternita della liuteria.
- Volevamo far rivivere la comunità nello spirito della tradizione che risale ai secoli passati, quando la cultura era parte della vita ordinaria e quotidiana - dice Anna. - Questo è anche il caso a volte in campagna.
La cantina si è presto rivelata troppo piccola per l'attuazione dei piani. Ciò che serviva era una sede lontana dal caos e dalla frenesia della città, che permettesse il contatto diretto con la natura, e allo stesso tempo radicasse il passato. Un posto del genere non poteva che essere un'antica casa padronale polacca come modello perfetto di simbiosi tra natura e cultura.
Ci è voluto molto tempo per trovare una struttura adeguata. Gli sposi hanno visitato decine di edifici indicati dai conservatori.
- Erano tutti casi senza speranza - ricorda la signora Anna. - Ci siamo sentiti come se stessimo toccando ferite viventi. Era un mondo condannato alla distruzione, alla non esistenza e all'oblio. Tuttavia, abbiamo continuato a cercare. Volevamo semplicemente salvare almeno una di queste dimore.
È così che sono arrivati a Wysoka. E nonostante la vista scoraggiante della rovina, la mancanza di esperienza edile e nessun denaro, hanno deciso di non cercare più nulla. Quindi hanno dovuto rimandare i loro piani artistici per dopo e iniziare a ricostruire la proprietà acquistata dal comune, fortunatamente per una piccola somma.
- Prima di iniziare questi lavori, però, abbiamo ritenuto necessario ottenere il consenso per ulteriori azioni da parte degli eredi degli ex proprietari - afferma il Sig. Antoni.
- Era un problema morale per noi. Di conseguenza, abbiamo ottenuto la loro piena approvazione. Inoltre, si è scoperto che sono imparentati con mia moglie Anna.
Ripristinare lo splendore
La ricostruzione della villa padronale (è difficile definirla ristrutturazione) ha richiesto un anno e mezzo. Con questa scala di distruzione, e allo stesso tempo la mancanza di esperienza e il budget familiare, dovrebbe essere considerato un ottimo risultato.
- Siamo stati molto fortunati con le persone giuste - dice Anna. - Roman Stopa, un ingegnere costruttivo amico della PKZ di Cracovia, Roman Stopa, un assiduo frequentatore della nostra cantina, ci ha aiutato con buoni consigli. Anche i professionisti locali, e noi abbiamo impiegato solo loro, si sono rivelati ottimi tuttofare. Abbiamo anche ricevuto sostegno materiale sotto forma di prestito dalla Fondazione Batory. Alla fine, dopo aver apprezzato i nostri risultati di costruzione, entrambe le rate di $ 1.000 ciascuna sono state annullate.
La qualità e il ritmo dei lavori è stato indubbiamente influenzato dalla presenza costante dei proprietari che abitavano nell'unica stanza con soffitto, cioè nell'ex e presente soggiorno.
Nei lavori di ricostruzione, si è cercato di preservare (e ricreare dove necessario) tutto ciò che costituiva la bellezza dell'industria edile di secoli fa - incl. spessore della parete e soffitti massicci. Sono state seguite anche le raccomandazioni del Sig. Roman, che ha sostenuto che la struttura doveva essere appesantita, non scaricata. Ecco perché le grandi cantine restaurate danno una tale impressione e mantengono una temperatura costante di 120 ° C. È stata inoltre sostituita la falegnameria di porte e finestre, sono stati ripristinati i soffitti, sono stati posati il pavimento, l'intonaco e un nuovo tetto.
La precedente disposizione interna è stata ripristinata. La porta d'ingresso conduce ad un ampio salone che conduce ad una scala a due campate al primo piano. A sinistra c'è un soggiorno, a destra - una cucina con zona pranzo. L'ingresso e il soggiorno sono coperti da volte a botte con lunette, e la cucina - con soffitto a travi in legno. Le porte sono decorate con cornici barocche in pietra. Al primo piano abbiamo una disposizione simile delle stanze, tranne che sul lato sinistro dell'atrio ci sono due camere da letto, e sul lato destro c'è uno studio-biblioteca. Tutte le stanze, ad eccezione delle camere da letto, hanno le stesse dimensioni di 50 mq. C'è spazio anche per tre piccole stanze per gli ospiti in mansarda.
L'interno dà l'impressione di essere abitato da generazioni. Nel giro di una dozzina di anni circa, la famiglia Pilch è riuscita a raccogliere molti mobili e oggetti dalle risorse familiari, acquistati occasionalmente o donati da amici e conoscenti. Non creano un interno stilisticamente omogeneo, perché provengono da epoche diverse, appartengono alla cultura nobile, borghese e contadina. Tra questi oggetti di varia provenienza, ci sono oggetti di notevole valore artistico, come l'armadio settecentesco nella sacrestia della chiesa di Orawka (rimosso durante la decorazione interna) o l'armadio di nonna Madeyska che decora la biblioteca. Un conglomerato di forme integrate con numerosi strumenti musicali antichi (o loro copie), con predominanza di liuti,crea un insieme visivamente gustoso e pienamente fruibile, lontano dalle associazioni museali.
Porte spalancate
In questa forma, la casa padronale di Wysoka soddisfa i requisiti imposti dalla famiglia Pilch, per molti anni è stata il centro - e allo stesso tempo un luogo di animazione - della vita culturale nella regione. Qui opera la Fondazione Lutnia Staropolska, istituita per "condurre studi sulla cultura e la musica antiche, diffondere i loro valori vitali e proteggere il patrimonio ei monumenti dell'antica cultura spirituale e materiale polacca". L'Accademia dei liuti da lei fondata promuove la musica rinascimentale, con particolare enfasi sulle opere di Mikołaj Gomółka, il grande compositore polacco dell'epoca.
Qui si tengono incontri dedicati al repertorio musicale del XVI secolo, alle tecniche vocali e ai fondamenti della filosofia, che a quel tempo erano strettamente legati alla musica. Su questo, tra gli altri l'argomento è scritto dalla tesi di dottorato del comproprietario di Wysoka. Inoltre, i legami di Antoni Pilch con l'Oriente si traducono in seminari internazionali a cui hanno partecipato i nostri connazionali del Bug, organizzati con il sostegno della Fondazione Batory, della Fondazione Cultura, della Fondazione per la Polonia e del Ministero della Cultura. L'affermato ensemble internazionale esegue musica antica cantata in polacco, russo e lituano. Proprio come ai tempi del Commonwealth polacco-lituano.
L'attività della famiglia Pilch non si limita alla sfera della musica. Nella corte si coltivano antichi rituali, una rappresentazione della natività, un dialogo sulla risurrezione del Signore e la lotta al carnevale. Vi prendono parte bambini locali e molti visitatori. A queste attività prendono parte anche i figli dei proprietari del maniero. Il diciannovenne Karol canta al basso, Zuzanna un anno più giovane - soprano, e, secondo il signor Antoni, il dodicenne Józio ha tutte le carte in regola per il futuro ospite di Wysoka. Ludwika, di quattro anni, sta imparando a cantare per ora.
Molti dei progetti della famiglia Pilch hanno avuto un lieto fine. Hanno ristrutturato il maniero, è sufficiente decorare l'ingresso principale con un portale rinascimentale ed eventualmente erigere una torre angolare che è consuetudine della corte difensiva. Importarono e costruirono nelle sue vicinanze un edificio in legno del XIX secolo dell'ex scuola di Repair, che era stato condannato alla demolizione. Hanno inoltre acquistato una vecchia fucina da utilizzare come garage. Hanno anche acquistato un prato sul versante meridionale adiacente alla casa padronale.
- Questo è un frammento di un giardino terrazzato rinascimentale al quale intendiamo riportare la sua forma originaria - dice il Sig. Antoni.
Il prato raggiunge il bordo di un bosco di abeti rossi di 400 ettari chiamato Zwierzyniec.
- Il che significa che qui c'era un giardino di paradiso terrestre - aggiunge. - Si sono conservate linee di sentieri appena visibili, cascate di ruscelli, uno stagno. C'è la possibilità che, in collaborazione con la silvicoltura, possa essere trasformato in un bellissimo parco, dove arriverebbero persone da tutta la Polonia.
Bisogna solo sperare che la fortuna continui a favorire i proprietari di Wysoka, perché avranno sicuramente molta immaginazione e volontà di agire.
L'autore ha utilizzato il libro di Henryk Urbanowski, "Gorczańska Dwożożona", Wydawnictwo Krytyki Artystycznej "Miniatura", 30-307 Cracovia, ul. Barska 13

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Colore e fantasia: verde oliva

Il verde è freddo, ma non il verde oliva, cioè con una goccia di giallo e grigio. La mescolanza di questi colori lo priva della sua freddezza, e quando aggiungiamo il marrone zenzero alla composizione, ...…

Appartamento: con un tocco parigino

Małgorzata, incantata dalla bellezza delle vecchie case francesi, ha voluto rievocare il loro stile elegante nel suo appartamento. Sebbene il blocco di nuova costruzione non sia vecchio ...…