Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Vista del prospetto frontale dalla strada. La disposizione dei blocchi da costruzione è una conseguenza del lotto di terreno
Questa casa si fonde armoniosamente con l'ambiente circostante: ne è un complemento organico
La zona di ingresso all'edificio è stata ritirata rispetto al prospetto frontale, il che la rende quasi invisibile dalla strada, da cui si accede all'ingresso della proprietà
Il lato sud della casa con una facciata in mattoni e clinker che domina l'intero layout. Le dilatazioni verticali della facciata sono visibili ai bordi dei muri e dalle finestre
Il giardino accuratamente progettato è stato composto per evitare il forte dominio del corpo di fabbrica sull'ambiente circostante
Casa di fronte al giardino. La parte a piano terra, destinata alla cucina e alla sala da pranzo, prosegue all'esterno - sotto forma di un piccolo terrazzo coperto
Una decorazione attraente e funzionale del muro all'ingresso è una finestra panoramica
Vistosa finestra ad angolo. Grazie ad esso, la luce del sole entra nell'interno quasi tutto il giorno. L'intera falegnameria è in legno
Le ampie vetrate del soggiorno e della sala da pranzo con vista sul giardino formano un insieme visivo e insieme danno al blocco un'espressione architettonica individuale
La parete frontale della scala era rivestita di travertino rosso
L'atrio aperto, nonostante le sue ridotte dimensioni, dà l'impressione di un ampio spazio interno e allo stesso tempo riduce al minimo il sistema di comunicazione della casa.
La sala da pranzo vetrata è leggermente arretrata rispetto alla linea della facciata del giardino per evitare un'illuminazione troppo forte degli ambienti. La facciata in mattoni penetra all'interno della casa
l'architetto Jarosław Kołodziejczyk
Piantina del piano terra
Piano terra
Record della casa
Superficie utile della casa : 162 m2
Superficie del lotto : 2350 m2
Progetto : architetto Jarosław Kołodziejczyk, tel.601098122, e-mail: [email protected]
L'edificio è stato premiato nel concorso Primulus 2009 per la migliore opera architettonica realizzata nella città di Częstochowa e nella sottoregione Częstochowa .
Questa casa non doveva esistere. Voglio dire - avrebbe dovuto essere, ma completamente diverso. L'architetto, in collaborazione con l'investitore, ha inizialmente progettato un piccolo edificio con una forma tradizionale e un tetto a padiglione. Tutto andava bene. Quasi tutto.
- Sebbene la funzione risolta correttamente e l'adattamento al terreno sembrassero il culmine del concetto adottato, c'era qualcosa che non andava sia in me che nell'investitore - afferma Jarosław Kołodziejczyk, l'autore del progetto. - Durante uno degli incontri successivi, l'investitore mi ha chiesto: - E come faresti se ti dessimo mano libera? L'idea di un nuovo edificio è nata nella mia testa durante un fine settimana. Il concetto originale è stato abbandonato e tutto è andato avanti molto rapidamente.
Entro un anno dalla svolta descritta nella storia della casa e dal cambio di ipotesi, fu eretto un edificio, che presto ricevette il premio principale e il titolo di Primulus 2009 al concorso della filiale di Częstochowa della SARP. Fortunatamente "Mano libera" apparteneva allo specialista giusto.
Armonia di un luogo difficile
L'ubicazione della casa unifamiliare era apparentemente favorevole: doveva essere costruita in un quartiere verde di Częstochowa, pieno di case unifamiliari dall'inizio degli anni '80 e '90. La trama, tuttavia, si trovava in un punto difficile: su una curva che correva su una curva stretta. In uno spazio così "spezzato" è difficile entrare nel corpo, soprattutto nella facciata principale, ovvero il fiore all'occhiello della casa visto dalla strada. Inoltre, il piano di sviluppo locale conteneva rigide disposizioni per l'ingresso nella trama. Adattarsi a loro non è stato facile e ha avuto un grande impatto sia sull'ubicazione dell'edificio che sul suo programma funzionale.
Eppure questa lotta con i limiti è appena visibile nel risultato finale dell'impresa. Su un terreno di 2.350 m2, nella parte di strada vicino alla strada, è stato eretto un edificio a due piani così ben integrato nel vicino boschetto di alberi, come se ne costituisse il complemento organico. Indubbiamente ciò è in gran parte dovuto all'interessante scolpitura del corpo (ovvero l'arretramento nella trama del piano terra), nonché al modo di finire il prospetto, soprattutto quelli anteriori. La parte a due piani è dominata da mattoni di clinker, mentre la parte a un piano - intonaco bianco e bronzo dei profili di porte, porte e finestre del garage. Tutti gli elementi si combinano perfettamente, si completano a vicenda, senza competere per la priorità e sottolineando la natura nobilmente ascetica di questa architettura.
Non c'è nulla nella facciata, privo di apparenza, che possa disturbare l'armonia delle poche rette che ne formano la geometria. Ci sono un paio di finestre di dimensioni contrastanti, un ingresso al garage, una porta, un "balcone" luminoso e divertente al primo piano, e un osservatore attento individuerà altri due incroci verticali nella facciata (vedi la cornice nella pagina successiva) - e questo è tutto.
In realtà, perché la facciata è completata da una recinzione in mattoni che circonda il lotto. Perfettamente composto con l'edificio, forma un tutt'uno con esso - è quasi impossibile immaginarlo in una variante diversa. Mantenuto negli stessi colori, è intrecciato con segmenti metallici traforati. E poiché degrada dolcemente lungo la trama, sfuma perfettamente il confine tra ciò che è stato costruito e ciò di cui la natura si è presa cura. Quest'ultimo aggiunge il suo piccolo qualcosa in un modo diverso. Quando si guarda da vicino, in una giornata di sole, le ombre degli alberi ad alto fusto giocano in modo evocativo sulla faccia di clinker della facciata principale, come su un grande schermo.
Giardino sul retro, giardino di casa
Il legame organico con l'ambiente circostante è chiaramente visibile anche sul retro della casa, dove si trova la parte principale del giardino. L'edificio si apre ancora di più su uno spazio verde da questo lato. Ampie vetrate al piano terra permettono alla luce di entrare e riempire l'interno con vista su betulle, pini marittimi, un vasto prato, grandi pietre irregolari e un laghetto ricoperto di ninfee, a cui sono presenti dei mini ponti in legno, leggermente divertenti per le loro dimensioni.
Durante la parte calda dell'anno, tutto questo si può osservare da sotto un piccolo tetto al piano terra della casa, accuratamente attrezzato con tenda-tenda scorrevole. Nelle giornate più fredde è meglio nascondersi all'interno, in cui si accede al giardino dalle grandi finestre del camino del soggiorno (e da qui è meglio viverlo in posizione comoda, quasi orizzontale sulla chaise longue) e della sala da pranzo collegata alla cucina, ovvero i due ambienti principali al piano terra. È ben visibile anche attraverso l'ampia finestra del balcone di una delle due camere da letto al piano superiore. Gli interni stessi, in particolare il piano terra, non interferiscono con questa contemplazione, perché sono - come la forma della casa - semplici, non sovraccarichi, disposti con gusto e sensibilità. Materiali utilizzati in essi,ei loro colori, sottolineano il rapporto con la natura: i colori dominanti sono il marrone di pareti, pavimenti e mobili in legno, il rosso tenue dei frammenti di mattoni, i soffitti intonacati bianchi, le attrezzature da cucina argentate.
Semplicità senza banalità
L'autore degli interni è stato l'ideatore del progetto architettonico. Forse questa regia di una persona è la prima parte del segreto per combinare abilmente tutti gli elementi insieme e superare i turni che accompagnano questa realizzazione. La giuria del suddetto concorso SARP a Częstochowa, nella giustificazione della concessione del premio principale, ha espresso, tra l'altro, riconoscimento della cura con cui sono stati progettati e realizzati i dettagli dell'edificio, che "integra la somma degli aspetti positivi che costituiscono un'altissima valutazione della sua qualità". Tuttavia, affinché queste parole comparissero, il talento, l'esperienza e la sapiente collaborazione dell'architetto con un investitore aperto ai cambiamenti e ben organizzato hanno dovuto fare affidamento sulla seconda parte del successo della realizzazione.Senza tutto questo, è difficile ottenere un buon effetto. Tutto suonava.
Dettagli esecutivi
Divisioni verticali sulla facciata. Le pareti esterne sono costruite con tecnologia a tre strati. Lo strato di rivestimento è costituito da mattoni di clinker, che vengono fissati con ancoraggi a un sistema di supporti e architravi in acciaio inossidabile. I giunti verticali, in linea con l'andamento dei giunti tra i mattoni, attirano l'attenzione. Questa disposizione crea un disegno al tratto specifico che enfatizza le divisioni della facciata. Da un punto di vista tecnico queste fughe di alcuni millimetri sono dilatazioni che si realizzano lasciando vuoti i giunti e mascherandoli con un nastro ad espansione nel colore della malta. Il loro compito è ridurre il rischio di graffi e crepe sulla facciata in punti critici, ad esempio in muri lunghi o alti, alle aperture delle finestre, negli angoli,in punti di faglie o cambiamenti di altezza di elevazione. Le distanze tra gli spazi vuoti di sinistra dipendono dall'esposizione alla luce solare sulla facciata (il lato del mondo), dal materiale della facciata e dal grado e dal metodo di rinforzo della facciata. Le dilatazioni verticali possono essere fatte come diritte o dentate, cosiddette serpeggiante. (rosso)
L'autore del progetto,
Jarosław Kołodziejczyk, si è laureato alla Facoltà di Architettura dell'Università di Tecnologia della Slesia a Gliwice. Dal 1998 gestisce il proprio ufficio. Negli anni 1998-2000 è stato associato allo studio Pytel, Oset, Domagała, Kołodziejczyk Architekci a Częstochowa. Attualmente forma un team di progettazione che si occupa principalmente di architettura industriale e dei servizi. Vincitore di oltre una dozzina di premi e riconoscimenti.
- Sono soddisfatto di questa realizzazione? Sì. Sebbene l'investimento abbia diversi anni, non si è svalutato, è stato notato e, per quanto ne so, è persino diventato fonte di ispirazione per diverse altre strutture. C'è qualcosa che cambierei in questo progetto dal punto di vista? In realtà niente. Forse alcuni dettagli, ma piuttosto perché le nuove soluzioni tecniche sono già apparse oggi. Tuttavia, per quanto ne so, l'investitore allargherebbe leggermente il soggiorno.
Perché il progetto ha meritato un premio?
L'architetto, fidato dell'investitore, è riuscito a evitare la banalità dell'utilizzo di soluzioni standard. L'oggetto è senza dubbio un prodotto originale, una creazione corrispondente a uno specifico ordine di uno specifico cliente in un determinato luogo "
(Frammento di giustificazione della giuria del concorso Primulus 2009)

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Decorazioni estive da F&F Home

Per le giornate calde e soleggiate, il marchio F & F Home offre decorazioni estive e attrezzature interne che saranno perfette sia in casa che fuori.…