Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

L'orfanotrofio della famiglia Edyta e Paweł Wiszniewski è operativo dal febbraio 2003. È un segmento costruito negli anni '80 dai genitori di Edyta. Vi trovarono rifugio sei bambini dai tre ai tredici anni. Quattro di loro sono fratelli.
Il figlio della famiglia Wiszniewski - Łukasz - chiama già i nuovi figli suoi fratelli. Gli inizi non sono stati facili per lui: per 11 anni è cresciuto da solo, ma all'improvviso c'è stato un tale cambiamento! Conosceva i piani dei suoi genitori e li accettava, ma ci voleva tempo per abituarsi alla "capanna piena di bambini". Ora li tratta come un vero fratello.
Per i genitori, anche la creazione di un orfanotrofio familiare è un cambiamento enorme, si potrebbe dire, epocale.
Famiglia reale, invece di un pronto soccorso
È successo che quando la famiglia Wiszniewski si è trasferita nel segmento tre anni fa, a sole due case di distanza, è stato creato un pronto soccorso. L'intera famiglia fece presto amicizia con dei simpatici vicini. Per l'anno successivo tutti convivono con i complessi problemi del servizio di ambulanza. Hanno simpatizzato e hanno aiutato il più possibile. I bambini offesi, intuendo la loro amicizia, si aggrapparono ai loro vicini affamati di calore e affetto.
Un giorno i genitori di Łukasz si sono chiesti: forse allestiremmo anche noi un pronto soccorso del genere?
Per diversi mesi hanno considerato i pro ei contro. Temevano che non sarebbero stati in grado di risolvere i difficili problemi dei bambini, che non avrebbero sopportato l'enormità dei nuovi doveri, che non sarebbero stati in grado di sopportarli mentalmente. Dopotutto, sapevano già che le terribili esperienze dei bambini finiscono in tali luoghi. Alla fine, però, si sono presentati alla sede della Society of Friends of Children, e poco dopo hanno completato i corsi di preparazione per creare un pronto soccorso. Una volta diventati operatori sanitari qualificati, c'è stata una svolta inaspettata degli eventi.
Una persona del centro di assistenza sociale comunale è venuta da loro e ha suggerito che, invece delle cure di emergenza (ce ne sono abbastanza a Łódź), hanno creato un orfanotrofio familiare. Ha sostenuto che avrebbero aiutato di più i bambini quando avrebbero potuto vivere con loro fino al raggiungimento della maggiore età. Perché per i bambini soli, una vera casa è il tesoro più grande.
Dopo solo due ore di colloqui, la famiglia Wiszniewski ha preso una decisione di vita: avrebbero fondato un orfanotrofio familiare.
Le difficoltà di arredare una casa per una piccola famiglia …
Il segmento allestito diversi anni fa dalla cooperativa edilizia era destinato a una famiglia di quattro persone. I genitori di Edyta lo hanno rilevato allo stato grezzo e lo hanno finito con il metodo economico. Fino alla sua morte, mio padre ha lavorato molto da solo: erigendo recinzioni, gettando pavimenti e arredando lentamente gli interni. Tuttavia, a causa della mancanza di materiali (era durante il periodo della legge marziale) e di fondi successivi, la finitura della casa procedette molto lentamente. Dato che i miei genitori l'hanno finanziato con prestiti aziendali, la madre di Edyta ha smesso completamente di lavorare nel cantiere dopo la morte del marito. Furono solo sua figlia e suo marito a riprenderla e furono loro a svolgere il lavoro necessario a piccoli passi. Mettono il riscaldamento centralizzato,essi stessi hanno posato i pavimenti in assi al primo piano, così come le piastrelle e il cotto in cucina e in bagno, e hanno dipinto l'interno.
Nel 2002 il nido familiare aveva un piano terra attrezzato - con ingresso, cucina, bagno e ampio soggiorno - e il primo piano con tre stanze. Sebbene fosse ancora necessario drenare gli scantinati umidi e isolare il muro adiacente al segmento successivo, che era ancora incompiuto, c'era già un posto confortevole per la loro piccola famiglia.
… e poi per uno molto più grande
, un edificio multipiano di 270 m2 con seminterrato (con garage) è stato classificato come ricovero per sei bambini. Tuttavia, affinché possano viverci, la famiglia ha dovuto prima mettere in ordine le questioni amministrative: eseguire l'ispezione tecnica dell'edificio e prepararlo a ricevere piccoli inquilini.
- Abbiamo svolto tutte le attività di base in pochissimo tempo - dicono i genitori. - Sapevamo che i bambini ci stavano già aspettando. Non ci ha scoraggiato del tutto il fatto che avremmo dovuto dare loro la nostra camera da letto, e la madre, che finora ha vissuto con noi, dovrà pernottare nuovamente in un appartamento in un condominio.
La decisione di creare un orfanotrofio familiare ha cambiato completamente la disposizione pianificata delle stanze. Il signore e la signora Wiszniewski decisero che tutti i bambini avrebbero vissuto nelle stanze al primo piano e avrebbero dormito in soggiorno. La madre di Edyta sarebbe tornata nel suo appartamento fino a quando l'attico inutilizzato non fosse stato convertito.
Sono stati acquistati mobili adatti alle esigenze di un gruppo di bambini piccoli: per la cucina - una grande panca ad angolo, tavolo e sedie, per le stanze del primo piano - mensole, letti pieghevoli e scrivanie.
Hanno già una casa e
il 17 febbraio 2003 Piotrek, tre anni, è andato da loro. Può essere definito un bambino di un sorriso, è così allegro - il sorriso non lascia mai il suo viso.
Quattro giorni dopo, i fratelli, di quattro, cinque, sei e otto anni, si presentarono. Quattro bambini stressati e spaventati. Non parlavano, avevano paura di chiedere e chiedere qualsiasi cosa. Poi si è unita a loro Magda, 13 anni.
Già nei primi giorni, la famiglia Wiszniewski ha notato che i bambini erano molto trascurati - che dovevano essere curati da uno psicologo, che i loro difetti della vista dovevano essere trattati e tutti dovevano essere immediatamente portati da un dentista. I medici stabilirono che due di loro richiedevano cure psichiatriche costanti e furono mandati in una scuola speciale.
I genitori ammettono che, sebbene si sentissero teoricamente preparati, all'inizio i problemi li hanno semplicemente sopraffatti. Sono rimasti scioccati dal destino e dalle condizioni dei piccoli. Non abituati a un gruppo così numeroso, a cui devi alzarti più volte di notte, si sentivano molto stanchi per le prime settimane. Non solo si sono addormentati in piedi, ma hanno anche dovuto affrontare i problemi dei bambini a scuola. Succedeva che vi si recassero più volte al giorno su convocazione degli insegnanti.
Oggi non si vergognano di dire di aver avuto momenti di dubbio. È stato difficile per un breve periodo, ma poi per fortuna è stato tutto ordinato e organizzato. Poiché i bambini si sentivano amati e al sicuro, iniziò la vera vita familiare. Loro stessi hanno imparato a far fronte all'enorme mole di lavoro, anche se il signor Paweł ha dovuto lasciare il suo lavoro. Fra Dalle 7 alle 9.30 del mattino porta i bambini all'asilo e alle scuole lontane, poi fa la spesa, fa commissioni in città e poi riporta tutti i bambini a casa.
La coppia è aiutata dalla madre della signora Marta, Zofia Bojan, un'ostetrica in pensione. La sua esperienza con i bambini piccoli è molto utile ora.
La casa deve essere cambiata
A pochi mesi dall'ampliamento della famiglia, è già chiaro che la soffitta dovrebbe essere convertita al più presto. I genitori fanno i conti con il fatto che presto non sarà possibile mantenere l'attuale divisione della stanza (elaborata per tutto il primo mese per tentativi ed errori). In futuro, i ragazzi non vivranno con le ragazze, quindi ci sono piani per trovare tre stanze per bambini con un bagno in soffitta. Il primo piano rimarrà per i vecchi membri della famiglia. I padroni di casa torneranno nella loro ex camera da letto. La mamma avrà di nuovo il suo angolo.
Il signor Paweł sta già pensando di mettere un tavolo da ping-pong in soffitta e, quando i ragazzi cresceranno, anche un atlante degli esercizi. Sta anche valutando la possibilità di organizzare una stanza di formazione nel seminterrato dopo che è stata prosciugata.
Edyta sogna di investire in cucina, perché ha troppo pochi armadi per un gruppo del genere. Sarebbe utile anche una lavastoviglie, anche se la signorina di casa dice subito che è solo per sua comodità, perché in realtà è un lusso inutile. Per ora, tutti questi sogni devono aspettare. La cosa più importante per tutti è l'adattamento della soffitta. I genitori hanno consultato il progetto con l'ispettore di supervisione. Sanno che dovranno cambiare la copertura del tetto, isolare l'intero sottotetto, erigere muri divisori, costruire un bagno, quindi finire e attrezzare nuove stanze. Tuttavia, non ci sono fondi per tutto questo.
Eppure è anche molto importante cambiare macchina. Quando i bambini più piccoli volevano andare allo zoo, entrambi si resero conto che non sarebbero saliti tutti su un'autovettura. Senza i giusti mezzi di trasporto, sarà difficile organizzare viaggi comuni o ulteriori viaggi.
Tuttavia … anche se mancano molte cose in casa, si vede subito che i bambini sono felici. Cominciano ad essere curiosi del mondo, c'è un rumore allegro in giro, puoi sentire risate e suoni divertenti. I nuovi abitanti hanno già preso il controllo dell'intero spazio ei genitori scherzano dicendo che per loro è rimasta solo la cucina. Puoi vedere che i bambini iniziano ad amare il nuovo nido di famiglia - quando i piccoli tornano dalla città, gridano da lontano: - Puoi già vedere la nostra amata casa!
I bambini rimangono nella nuova famiglia per un tempo relativamente breve, ma cambiano di giorno in giorno. Osservare questi cambiamenti positivi è la gioia più grande della famiglia Wiszniewski.
- Sappiamo che i nostri figli hanno vissuto tanto quanto molti adulti nella loro vita - dicono. - Puoi vedere quanto affetto, pace e sicurezza significano per loro. Siamo lieti di darlo a loro. Per loro è più importante che condizioni abitative migliori.
Dalla redazione
Anche se in Polonia ci fosse un solo bambino di questo tipo, che non può essere amato dal padre e dalla madre, vale la pena trovare un modo per aiutarlo a tutti i costi. La cosa migliore che puoi fare per un bambino o un adolescente così solitario è trovargli una vera casa. Può essere un orfanotrofio familiare dove può trovarsi nonostante ostacoli formali o una situazione giuridica poco chiara. L'idea di queste case è così ovvia e bella che abbiamo deciso di sostenerla con il nostro Concorso per una casa familiare per bambini. Ci auguriamo che il suo rendimento faciliti la creazione di tali case in tutta la Polonia. Crediamo anche che saranno disposti ad aiutare queste famiglie. Siamo lieti di ringraziare Rockwool Polska ora,che fornirà lana minerale al signor e alla signora Wiszniewski per isolare la soffitta.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Un giardino per pochi soldi - e-gardens

Come organizzare in modo efficace il giardino dei tuoi sogni e non andare in bancarotta? Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti a farlo a un costo inferiore…