Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Come richiesto dai proprietari, il prospetto frontale presenta poche finestre e dà l'impressione di essere chiuso e inaccessibile
Il contrario è vero per il giardino, dove sono state progettate grandi vetrate
Prospetto frontale - prima della ricostruzione
La vecchia casa, come la maggior parte degli edifici dei tempi del regime comunista, aveva cantine sporgenti sopra il livello del prato. In questo modo i piani residenziali sono stati spostati dal terreno umido e inoltre sono state necessarie cantine, tra le altre, per immagazzinare carbone e altri prodotti
Grazie al telaio in acciaio, è stato possibile enfatizzare in modo accattivante l'area del terrazzo della casa
L'interno del cubo nero è bianco, grazie al quale la casa dal lato del giardino sembra amichevole e leggera
Il soggiorno aggiunto si trovava più in basso rispetto al precedente piano terra dell'edificio e accanto alla terrazza è stata costruita una piccola collina. La stanza è quindi a pochi passi dal giardino
La finestra dietro le scale era piena di vetri profilati
Il vetro profilato svolge le stesse funzioni delle perle di vetro in passato, ma con un carattere più moderno
La facciata è rifinita con tavole dipinte di nero
La staccionata bianca contrasta piacevolmente con la facciata nera
Avvicinando la zona giorno al giardino e dandogli un'altezza di due piani, è stato possibile ottenere interni completamente nuovi, niente che ricordasse la natura delle case dei tempi di Gierek. E questo è quanto!
La biblioteca di casa è stata collocata al piano rialzato
Dall'interno del soggiorno si ha una vista della terrazza e del giardino
Pianta del piano terra con segnata la sagoma del vecchio edificio
Una planimetria con segnata la sagoma del vecchio edificio
Autori del progetto: architetti Kuba Woźniczka, Rafał Specylak, collaborazione: Marek Woźniczka;
Contatto: [email protected]; www.kameleonlab.com; tel.691 853 471;
Superficie del lotto : 835 m2;
Superficie utile casa: 235 m2;
Progetto: 2008, realizzazione: 2009-2012
Una piccola casa bianca dei tempi della Repubblica Popolare Polacca dalla forma tipica e poco attraente sorgeva nel cuore della città, in un intimo complesso di case unifamiliari circondate da alti edifici plurifamiliari. I nuovi proprietari - una famiglia con due figli - hanno subito iniziato a progettarne l'ampliamento. Si sono rivolti agli architetti raccomandati loro per chiedere aiuto dallo studio Kameleonlab.
Una delle priorità principali dei futuri membri della famiglia era mantenere il giardino il più ampio possibile, che, a causa del piccolo appezzamento di terreno, non era enorme. Era anche importante garantire la massima privacy per i membri della famiglia, cosa particolarmente difficile in edifici così densi. Pertanto, anche i designer hanno fatto di queste due questioni la loro priorità. La casa ricostruita che stavano sviluppando doveva guadagnare circa 120 m2 di spazio utilizzabile, un elevato isolamento termico e una facciata elegante e resistente.
Più di un lifting
Gli architetti hanno proposto di utilizzare il legno come alternativa più economica all'intonaco per rifinire la facciata. L'idea è stata accolta con favore dai padroni di casa, che hanno accettato anche gli insoliti colori scuri della facciata anteriore dell'edificio. Dipingere di nero le assi di legno ha permesso di ottenere un effetto grafico interessante ed espressivo. Questo è uno dei motivi per cui l'edificio ha acquisito eleganza e carattere alla moda. Gli architetti presumevano che il nero grafite avrebbe enfatizzato tutti gli elementi esterni del corpo. Si è però deciso di enfatizzare i "ritagli" con colori contrastanti; verde lime - all'ingresso e grigio chiaro - lato giardino.
Oltre all'ampliamento, l'edificio ha richiesto la ristrutturazione del tetto, l'isolamento, la sostituzione degli impianti e dei solai. Tutti gli strati di isolamento sono stati rimossi dal tetto per isolare nuovamente l'appartamento e isolarlo in un modo moderno che soddisfi gli standard moderni. I muri esterni - sia quelli vecchi in mattoni pieni che quelli nuovi, in blocchi di silicato di spessore 18 cm, sono stati isolati e rifiniti con rivestimento in doghe.
I pannelli di facciata sono montati su una sottostruttura in legno (griglia), mentre la lana è il riempimento tra i listelli della griglia e fissata direttamente alle pareti strutturali.
Come di solito accade con le ristrutturazioni, la casa - anche se a prima vista sembrava abbastanza decente - ha rivelato i suoi oscuri segreti durante i lavori di costruzione: uno dei più spiacevoli si è rivelato essere le travi corrose del tetto piano. Il taglio degli elementi danneggiati e l'inserimento di nuovi ha notevolmente ampliato il lavoro e aumentato i costi di ricostruzione.
Un telaio in acciaio sul retro della casa La
terrazza chiusa con una struttura traforata crea una zona di transizione, chiamata dai progettisti la "zona intermedia". Grazie a questa soluzione, il terrazzo è parte della casa, ma già fuori dal suo volume - consente, tra l'altro, un collegamento naturale e morbido tra spazio interno ed esterno, garantendo la massima apertura del soggiorno al giardino.
La storia del telaio sul retro della casa è interessante (foto). In origine, era previsto uno studio sotto il bovindo che ospitava la camera da letto dei proprietari. Tuttavia, gli investitori che volevano risparmiare più spazio del giardino, hanno suggerito di rimuovere la parte inferiore del blocco e di collocare l'ufficio in un luogo diverso. Il bovindo risultante della camera da letto doveva essere supportato. Qualsiasi idea con i pali sembrava noiosa ai progettisti, fino a quando alla fine non sono arrivati alla creazione di un intero telaio in acciaio. Inoltre, il telaio ha acquisito nuovi compiti: è utile, ad esempio, per appendere altalene o un'amaca su di esso. Gli architetti sottolineano che a loro piace davvero un uso così inaspettato delle loro soluzioni. A loro piace quando la casa che creano li sorprende con qualcosa,quando vive la sua vita e quando le persone che la abitano le danno valori che loro stessi non si aspettavano.
Metamorfosi di successo degli interni Una
rivoluzione negli interni della casa
Il progetto ha presupposto non solo un "lifting" dell'edificio, ma soprattutto un aumento quasi duplice dello spazio abitativo. Gli architetti, dopo molti tentativi, hanno deciso di espandere la casa in due direzioni: una nuova zona d'ingresso e la zona notte dei genitori sono state progettate nella zona nord, e la zona sud - una zona giorno con un soggiorno a due piani e una zona bambini al primo piano.
La vecchia casa aveva cantine sporgenti sopra il prato e il piano terra rialzato (foto). Secondo le norme in vigore al momento della costruzione della casa, le stanze erano basse - la loro altezza è di circa 2,55 m. è un interno alto a due piani. Ha reso l'intera zona giorno della casa più attraente e spaziosa. Il soppalco progettato sopra il soggiorno ha conferito agli interni un carattere moderno. Un grande vantaggio del design è anche una grande finestra da tetto che illumina l'interno, sia ai piani superiori che inferiori.
Tutte le idee e le soluzioni utilizzate in questa casa sono state apprezzate non solo dai proprietari, ma anche dai professionisti: l'edificio ha vinto premi prestigiosi.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Un giardino per pochi soldi - e-gardens

Come organizzare in modo efficace il giardino dei tuoi sogni e non andare in bancarotta? Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti a farlo a un costo inferiore…