Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Secondo le intenzioni dei creatori, la villa di Izabelin non è un esercizio di modernità staccato dal contesto, ma una forma architettonica che tiene fortemente conto della tradizione edilizia polacca e delle condizioni locali.
Il concetto di questa casa è nato a migliaia di chilometri non solo da Mazovia, ma anche dall'Europa. Per prima cosa, hai dovuto attraversare l'oceano … e ammirare l'architettura del famoso Frank Lloyd Wright
Dal lato del giardino, le facciate dell'edificio si aprono sull'ambiente circostante e non sembrano così massicce come dal fronte
I gabbioni provengono dalla costruzione idroelettrica. Il nome originale deriva dall'italiano, dove la parola "gabbione" significa "grande gabbia"
I gabbioni di solito hanno la forma di un cesto rettangolare fatto di barre o una rete d'acciaio, riempito di pietre.
La maggior parte delle pareti della casa sono ricoperte di scandole di quercia
Il cemento rivestito corrisponde senza dubbio perfettamente alla disciplina e alla chiarezza delle forme di questa architettura, così come alle forme di mobili e attrezzature, prive di ornamenti inutili, a chi piacciono gli angoli retti? materiale d'élite, apprezzato soprattutto dagli amanti dell'arte moderna
Le scale che portano dal soggiorno al primo piano, grazie alla mancanza di corrimano e limitate su due lati da una tenda traforata realizzata con tendini d'acciaio, sembrano essere senza peso e quasi sospese per aria
La casa non è priva di stanze separate, ma sono spostate sullo sfondo, destinate piuttosto ai membri della famiglia e agli ospiti amichevoli.
Gli eleganti bagni sono caratterizzati dalla geometria tipica dell'intera immagine interna e da colori accuratamente selezionati
La dispensa abbinata al vino è un laboratorio sterile e ipermoderno
Piantina del piano terra
Piano terra
Izabelin vicino a Varsavia è un'area di pace e tranquillità, costruita principalmente con case unifamiliari, situate tra gli alberi, alle porte della foresta di Kampinos. Il tempo scorre molto più lentamente qui che nella vicina metropoli. Negli ultimi tempi, però, sembra aver accelerato un po ', e questo è dovuto alla casa, che era posta discretamente su una delle strade. Insieme ad esso, l'architettura moderna di livello mondiale, di cui molti luoghi del mondo non si vergognerebbero, arrivò nella parte settentrionale della città. Anche se non tutti si adatterebbero.
Si adatta meglio qui, perché è stato progettato per questo quartiere e per questo terreno.
Ispirazioni di prim'ordine
L'investitore per l'edificio era uno scienziato che conduceva ricerche negli Stati Uniti, un amante della buona architettura contemporanea, che viveva lì in una casa affittata da uno dei professori locali a Oak Park, Illinois, al 1031 di Chicago Avenue. Questo è un indirizzo famoso. Accanto ad essa si trova la casa Walter Gale, progettata nel 1893 dall'icona successiva dell'architettura nordamericana - Frank Lloyd Wright. È stato lì, dopo aver ricevuto l'ordine di creare un progetto Isabella, che l'architetto Rafał Barycz del noto Barycz i Saramowicz Architectural Bureau è andato a discutere i dettagli del progetto sul posto.
- L'opportunità di soggiornare nel leggendario edificio, circondato fin dal mattino da una corona di fan delle opere del più grande architetto della storia d'America, è stata una grande esperienza - afferma oggi il Dr. Rafał Barycz. E ammette che la traccia di questo soggiorno è rimasta nel progetto della villa Isabella.
Tuttavia, confrontando l'edificio che è stato eretto a Mazovia con la casa di Walter Gale, puoi vedere che sono due edifici completamente diversi. Rafał Barycz e Paweł Saramowicz con la loro squadra si riferivano non tanto al quartier generale di Gale, ma alle famose case di prateria create da Wright negli anni successivi. Si sono adattati alle loro esigenze - e soprattutto alle condizioni locali - molti dei principi che hanno accompagnato la costruzione di queste case (vedi fine articolo).
Grandi e piccoli recessi (VIDEO)
Contrasto di forma e materiale
Dal lato della strada, la casa sembra un bunker (foto). È chiuso agli occhi dei pedoni con un muro estremamente massiccio, quasi senza aperture di finestre. Tuttavia, si apre a chiunque passi oltre la soglia ospitale. Per sentirlo non devi nemmeno entrare, basta stare nel cortile interno, che è una specie di atrio aperto, incorniciato da tre ali dell'edificio. Le facciate del giardino visibili da lì sono come braccia spalancate davanti agli utenti di questa architettura. Ti invitano a entrare nella casa, ma allo stesso tempo collegano l'interno con la trama, coperta da spettacolari alberi di pino ad alto fusto, e più in generale - con l'intera natura dell'area.
Il contrasto di questi due tipi di facciate degli edifici (dalla strada e dal giardino) è stato perfettamente enfatizzato grazie all'originale combinazione di due materiali di facciata. La suddetta facciata "militare" e l'adiacente facciata sul lato orientale sono state rifinite con cesti di gabbioni riempiti di dolomite dalle rive del fiume Vistola a Libiąż. Sembra che la casa fosse fatta di enormi blocchi di pietra. Nell'architettura polacca nessuno ha finora applicato questa soluzione su scala altrettanto ampia. A proposito, è un riferimento riuscito alle conquiste dell'architettura mondiale, che dalla metà degli anni '90 del secolo scorso (e più precisamente, dal design di Jacques Herzog e Pierre 'a de Meuron dei famosi vigneti del Dominus nella Napa Valley in California) raggiungendo sempre più avidamente i cesti di pietra esposti al pubblico.
Imponenza e "potenza" della pietra regnano dunque sulle due facciate esterne, mentre nelle facciate dei giardini sono solo un delicato accento. Lì, il tono è dato dalle grandi vetrate di finestre e porte, così come la scandola di quercia, che copre quasi tutte le pareti (foto). È questa ghiaia che è un riferimento diretto alla tradizione della costruzione in legno polacca, in particolare quella proveniente dal sud montuoso della Polonia (anche se bisogna ammettere che la pietra (tipi di pietra per la facciata da collegare) si trova a volte nell'architettura polacca in molte regioni. La ghiaia è anche un riferimento al fitto albero del terreno, quindi l'intenzione dei progettisti è di collegare fortemente l'edificio con le immediate vicinanze. E lo fa!
C'è molto più legno "dal cortile" - lo vediamo non solo nelle cornici di grandi finestre, ma abbiamo ben tre terrazze fatte di elementi in legno: una all'ingresso del giardino, l'altra accanto, su una leggera piattaforma progettata come sala da pranzo estiva, e il terzo - coperto da un pergolato, al primo piano dell'ala lunga.
Spazi con un respiro
Quando entri in una casa, ti senti spazioso. Per ora, gli interni possono essere visti solo nelle visualizzazioni, poiché si è ipotizzato che la loro architettura faccia da sfondo a forme che verranno gradualmente create e modificate dagli utenti.
L'elemento principale che collega i due piani è l'ampia apertura degli interni del soggiorno e degli spazi adiacenti (foto). È stato realizzato grazie all'eliminazione delle pareti divisorie in questa parte e alla già citata efficace vetratura di finestre e porte che dirigono lo sguardo verso il sole e il verde. A questo aggiungiamo le balaustre in vetro montate sul ballatoio sopra il soggiorno, che garantiscono la sicurezza delle persone che vi soggiornano, pur non ostacolando il flusso luminoso. La disposizione dello spazio è stata facilitata dall'incorporazione di armadi, guardaroba e alcuni mobili nelle pareti, nonché dall'uso sapiente delle differenze nel livello di posizione del pavimento.
Al piano terra dell'ala lunga è "nascosta" una fila privata composta da due camere per gli ospiti con bagno, terminata con uno studio. Al primo piano, abbiamo due stanze per bambini nell'ala più corta e nell'ala opposta, più lunga, l'intero spazio privato dei padroni di casa, ovvero la camera da letto principale con un bagno, uno spogliatoio e persino una lavanderia. Ma alla fine di questa sequenza c'è un'altra apertura, la suddetta lunga terrazza che domina l'intera tenuta.
Geometria e coerenza
La semplicità delle forme, la cui conservazione era uno dei principali presupposti progettuali, è chiaramente visibile, tra gli altri, nelle stanze da bagno, piene di solidi geometrici di apparecchi sanitari e armadi, mantenute secondo le combinazioni di colori del bianco e del marrone. Questi due colori, ripetuti in molti punti della villa, possono simboleggiare con successo la luce, la pietra e il legno, elementi che governano l'intera architettura dell'edificio. Tutto è connesso in questa casa, e le ipotesi adottate vengono rivelate e confermate ai livelli successivi del funzionamento degli spazi e delle forme architettoniche create. Senza compromessi e costantemente.
I nove principi del maestro
… Questo è Frank Lloyd Wright, a cui è stato fedele nel progettare le case della prateria. Dopo che la società di design polacca Barycz e Saramowicz li hanno adattati alle condizioni locali della trama a Izabelin, hanno suonato così:
1. Ridurre al minimo il numero di elementi formali per ottenere un aspetto uniforme della casa. L'eliminazione dei dettagli non necessari ci ha permesso di rivolgerci alla naturale bellezza dei materiali.
2. Integrare la villa con l'ambiente circostante, sia selezionando i materiali per la finitura della facciata, sia dandole una forma orizzontale.
3. Creare uno spazio aperto al livello principale dell'edificio, non diviso da pareti divisorie. Mobili, tramezzi o dislivelli sono guidati dagli occhi del residente e del visitatore.
4. Fornire una vista della natura e del paesaggio attraverso terrazze e portafogli.
5. "Chiudere" la villa dal lato dell'area urbanizzata e aprirla al parco paesaggistico e forestale attraverso alte finestre a tutto piano.
Grazie a questo, sono stati creati interni luminosi e ben illuminati.
6. Raggiungere la consistenza del materiale grazie all'uso coerente di scandole per facciate e cesti di pietra. Ciò è sottolineato dalla selezione di serramenti per finestre, facciate in legno con scandole e in legno con profilo di mascheratura in alluminio su facciate rifinite con gabbioni. Le ringhiere senza divisioni e il corrimano, in pannelli di vetro autoportanti, devono inserirsi nel carattere dell'edificio come sfondo neutro.
7. Incorporazione di elementi strutturali e di installazione nella struttura dell'edificio.
8. Progettare mobili, guardaroba, armadi e vani portaoggetti integrati nelle pareti come parti integranti del design degli interni.
9. In questo modo, creando interni che rispecchiano l'architettura esterna e non necessitano di decorazioni inutili.
Casa
progettista registrare generale dell'investimento: Biuro Architektoniczne Barycz i Saramowicz, [email protected], www.barycz-saramowicz.pl
Autori: Dr. Rafał Barycz, Dr. Paweł Saramowicz con la sua squadra
utilizzabile zona: 470 m2
Cubage: 2620,8 m3

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Giardino giapponese - e-giardini

Il giapponese, sobrio e prudente per natura, crea un giardino secondo il principio: conoscere, riflettere e rifinire i dettagli. Non c'è spontaneità qui.…

Terrazza verde - e-giardini

Se la vista poco interessante dalla finestra non ti incoraggia a rilassarti sul balcone, è sufficiente creare uno schermo pittoresco.…

Un angolo fiorito - e-garden

Trasformiamo il luogo trascurato accanto alla fattoria in un angolo colorato che decorerà la zona d'ingresso della casa e amplierà il giardino.…

Sconto arbusto - e-giardini

Lo sconto con tulipani arancioni, gialli e rossi è un'ottima proposta per rallegrare l'inizio della stagione…