Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Il passato è stato inscritto nelle pareti di questa casa. Le fasi successive sovrapposte della storia polacca hanno lasciato un segno in ogni interno di casa
La villa pre-bellica Konstancińska, acquistata anni fa da Jacek Ufnalewski, si trova in un ampio giardino
I padroni di casa hanno deciso di mantenere l'ambiente circostante della casa in uno stile un po 'antiquato, rispecchiando bene l'atmosfera del luogo
Dopo l'ultima ricostruzione, la casa ha ottenuto un pittoresco portico d'ingresso e un nuovo interno - un moderno giardino d'inverno - una sorta di veranda con un salotto aggiuntivo
La vista del portico d'ingresso recentemente eretto, grazie al quale la casa ha guadagnato un po 'di respiro, ei proprietari hanno guadagnato ulteriore spazio per vivere. Durante la prima ristrutturazione della casa, qui c'era solo una piccola, inefficace dependance
Il garage, costruito anni fa con blocchi di scorie lavorate a mano, è ancora in piedi ed è ancora utilizzato dalle auto da collezione del padrone di casa, che oggi ha il tempo e le occasioni per coccolarle nell'attrezzata officina adiacente
Oggi, la ristrutturata "casa del cocchiere" serve gli ospiti dei proprietari, il più delle volte bambini
Vista della casa dal giardino. Inizialmente il lotto su cui è stata eretta la casa era di circa 5.000 mq. Nel tempo, i proprietari hanno deciso di limitare il loro appezzamento a 2.500 metri quadrati. Tale area fornisce comunque alla casa un bellissimo contesto verde e allo stesso tempo è meno ingombrante da coltivare
Porzione di casa con giardino d'inverno. Durante il montaggio della struttura non è stato possibile distruggere le piante circostanti l'edificio
Vista del soggiorno. Un camino aperto, che ricorda i tempi dei montatori di stufe prebelliche, funziona ancora bene e allo stesso tempo decora interni eleganti
Parte del corridoio. I padroni di casa cercano di enfatizzare l'antica atmosfera in ogni stanza, ma non dimenticano anche il comfort, da qui le piastrelle resistenti sul pavimento
La stanza sopra l'ex ingresso principale. In primo piano c'è una ringhiera in legno delle scale che conducono al corridoio sottostante
Sala da pranzo separata: una stanza che appare sempre meno nelle case moderne, i cui proprietari preferiscono combinarla con un'area salotto. Qui si è deciso di mantenere le vecchie divisioni. La sala da pranzo guadagnava solo un'ulteriore porta del corridoio
Parte del soggiorno principale. Quasi tutti gli arredi per la casa provengono dalla stessa epoca della casa. I padroni di casa si sono solo assicurati che fossero completamente rinnovati o rinfrescati
La soffitta del cottage è bassa, quindi al posto di un letto viene utilizzato un materasso per dormire per i bambini
Ecco come appare l'interno del giardino d'inverno. Qui è stato predisposto un ulteriore salotto, che amplia leggermente la zona giorno della casa
Pianta del piano terra prima della ricostruzione: 9. padiglione 16 m2; 10. stanza 24 m2; 11. cucina 15 m2; 12. bagno 7 m2; 13a sala 15 m2, 16a sala 8 m2
Pianta del piano terra dopo la ricostruzione: 1. soggiorno 26 m2; 2. padiglione 8 m2; 3. padiglione 16 m2; 4. sala da pranzo 24 m2; 5. cucina 15 m2; 6. padiglione 6m2; 7. wc 5 m2; 8. nuovo ingresso con giardino d'inverno di 24 m2
Superficie della casa: 187 m2
Superficie del lotto : 2500 m2
Progetto di ricostruzione della casa: architetto Bohdan Ufnalewski
Come studente dell'Università di Tecnologia di Varsavia, Jacek Ufnalewski è stato uno dei pochi fortunati che all'inizio degli anni '60 riuscì a ottenere un passaporto per viaggiare in Europa occidentale, in particolare in Francia. Era spinto da un evidente bisogno di staccarsi dalla "irrealtà" comunista, per affrontare ciò che tentava e ciò che il mondo libero offriva. Ha raggiunto Parigi su una famosa motocicletta, conosciuta come PE. Non conosceva la lingua, non aveva contatti o comandi, e all'inizio non aveva un tetto sopra la testa. Così ha dormito nella foresta di Boulogne, con una motocicletta legata alla gamba, per proteggerlo dai furti. Eppure è sopravvissuto e ha fatto fronte. Attualmente parla correntemente il francese,ha una bellissima proprietà in Riviera e numerosi brevetti che migliorano il funzionamento dei motori diesel, che oggi - quando è in pensione - gli permettono di vivere una vita prospera e di coltivare il suo hobby automobilistico. Essendo un cittadino polacco, è anche un cittadino francese, ma anche - grazie alla sua posizione nel suo settore - un cittadino del mondo che ha viaggiato in lungo e in largo per promuovere e attuare le sue invenzioni.che ha viaggiato in lungo e in largo per promuovere e realizzare le sue invenzioni.che ha viaggiato in lungo e in largo per promuovere e realizzare le sue invenzioni.
Fedele alle tradizioni
All'inizio degli anni settanta del secolo scorso, Jacek Ufnalewski acquistò una villa del 1924 a Konstancin-Jeziorna, dove viveva con la moglie e due figli. Ciò che lo spinse a trasferirsi nel suo luogo di nascita fu il soddisfacimento delle aspettative di suo padre, un partecipante alla guerra del 1920, un cavaliere, gravemente ferito nella guerra del 1939, che credeva che i suoi figli avrebbero dovuto - indipendentemente dal sistema inaccettabile esistente - nel loro paese d'origine. insegui le tue passioni. L'acquisto di una casa è stato - come ricorda Jacek - una transazione della sua vita. Ha pagato 5.000 per questo e per il giardino (5.000 mq). dollari. Questo è quanto costa la Peugeot 308, scambiata per una villa elegante.
Storia della casa
L'edificio era in pessime condizioni. È diventato una vittima di inquilini casuali, di cui le autorità di allora volevano sbarazzarsi dalla capitale. Anche il sovraffollamento ha contribuito alla devastazione: una famiglia viveva in ogni stanza.
Quando i nuovi proprietari hanno rilevato la proprietà, l'edificio necessitava di un'importante ristrutturazione. Il tetto perdeva, i travetti erano parzialmente marci, i muri erano intrisi di umidità, gli infissi erano deformati. La casa dell'ex cocchiere con la stalla adiacente e la rimessa per le carrozze erano in condizioni ancora peggiori.
Inoltre, si è scoperto che non esiste un sistema fognario in casa. Inoltre, due celle sotto la recinzione servivano da servizi igienici.
La prima fase della ristrutturazione
I nuovi ospiti, alle prese con le carenze del mercato degli anni Settanta, hanno cercato di proteggere l'edificio da ulteriori danni. Il tetto era assicurato il più possibile in modo che non perdesse; è stato necessario mettere nuovi intonaci, pulire i pavimenti e rinnovare le stufe, contemporaneamente è stato sostituito l'impianto elettrico devastato. Ovviamente anche i sanitari sono stati curati. I nuovi ospiti hanno installato un sistema idrico e fognario, ripristinando così la casa della civiltà.
A seguito di questi lavori, dopo la realizzazione dei normali servizi igienici in casa, è stato possibile assegnare nuove funzioni alle celle poste sotto la recinzione. Il proprietario non ha avuto problemi con questo. Conosciuto per il suo hobby automobilistico, ha deciso di trasformarli in garage per le sue auto d'epoca.
Spazio per le auto
Purtroppo le condizioni tecniche delle celle si sono rivelate anche peggiori del loro aspetto. Di conseguenza, l'ospite ha deciso di demolirli e costruire un vero garage: per due auto, con una spaziosa officina.
La difficoltà era che a quei tempi i materiali da costruzione erano scarsi. Il signor Jacek, tuttavia, non ha ceduto alle avversità della realtà socialista. In una cartiera vicina, ricavava scorie dalla discarica. Acquistò una quantità sufficiente di sabbia e cemento da una fonte poco legale e poi costruì stampi in legno per la produzione di mattoni forati. Con l'aiuto di un lavoratore assunto, ne ha fatti 1.300. "Ho riempito quasi tutto il giardino con loro", ricorda. - E poi una o due volte abbiamo costruito il garage e la stanza sul retro.
Incatenato alla storia
I proprietari hanno subito apprezzato la loro casa ristrutturata a Konstancin. È stato influenzato dagli eventi politici degli anni '80. Nel 1981, la famiglia Ufnalewski andò in vacanza in Francia, dove furono trovati sotto la legge marziale. Non tornarono in Polonia se non molti anni dopo. I membri della famiglia rimasero temporaneamente nella casa abbandonata a Konstancin.
I residenti si sono presi cura della casa come meglio potevano. Nel mercato delle costruzioni a quel tempo, però, non successe molto di buono, e poiché tutti allora facevano cose completamente diverse, i problemi della casa furono relegati in secondo piano.
Solo il ritorno al paese della famiglia Ufnalewski ha significato l'arrivo di una nuova tappa nella storia dell'edificio.
I proprietari sono tornati in Polonia con l'intenzione di restare qui permanentemente. Da quel momento in poi, la casa Konstanciński sarebbe diventata la loro sede più importante, un rifugio per famiglie dove tutti si sarebbero sentiti a proprio agio e sicuri.
La nuova situazione ha spinto i proprietari a intraprendere ulteriori progetti di ristrutturazione. Hanno deciso che la casa dovesse essere adattata alle loro esigenze e ai nuovi tempi. Era collegato a una ricostruzione generale dell'interno dell'edificio. Dopotutto, i precedenti lavori di ristrutturazione hanno riguardato principalmente la prevenzione del suo degrado causato dal passare del tempo e dalle azioni devastanti dei suoi inquilini.
La ricostruzione è stata intrapresa dal fratello del maestro, l'architetto Bohdan Ufnalewski.
Aprire lo spazio
La precedente disposizione interna dell'edificio era caratteristica del modo di modellare lo spazio abitativo negli anni prima e dopo la guerra. Consisteva nel creare molte stanze che costituivano un tutto separato e chiuso. La comunicazione tra loro era possibile solo aprendo ogni volta la porta tra loro. Questa disposizione, incoerente con le esigenze contemporanee degli abitanti, è stata parzialmente modificata dall'architetto e dai proprietari. Le singole stanze sono state date nuove funzioni e collegate con passaggi aggiuntivi.
Al posto della dependance in legno, che immetteva direttamente nel locale cucina, è comparso un elegante portico con tetto in tegole, sorretto da un palo quadrato (foto). Solo da lì c'è l'ingresso alla sala, e oltre - al bagno, al soggiorno e alla cucina, dove sono apparsi elettrodomestici moderni invece di una stufa a carbone. Accanto al portico c'è un giardino d'inverno (foto), dal quale, come dalla veranda, si accede anche al soggiorno con camino, e da lì - all'ampio ingresso. Il salone, a sua volta, con ampio ingresso si collega alla sala da pranzo, adiacente al locale cucina. Il bagno ricostruito e opportunamente attrezzato è rimasto nello stesso posto, ma vi si accede dalla cucina, dall'ingresso e dal soggiorno.
Nell'attico si è deciso di non modificare la disposizione interna originaria. Come prima ci sono tre camere da letto con bagno e un piccolo disimpegno che funge da sala TV. Sono state invece riparate le estremità danneggiate delle travi incassate nel muro, che fanno parte del soffitto ligneo. Sono dotati di profili a C in acciaio su entrambi i lati. Allo stesso tempo, le pareti gelate del "muro a graticcio" erano isolate con lana minerale e il muro a secco era attaccato a una griglia di legno riempita con essa. Ci sono due finestre nel tetto che forniscono ulteriore luce a una delle stanze e al bagno.
Dintorni della casa
La casa si trova quasi al centro del giardino circostante - il dominio della padrona di casa. È vicino alla formula di un giardino all'inglese con i suoi gruppi di alberi e arbusti disposti in modo libero e pittoresco, un prato davanti e aiuole colorate.
Oltre agli edifici garage, nella proprietà si trova anche la cosiddetta casa del cocchiere. Inoltre ha subito recentemente una trasformazione favorevole. Era in pessime condizioni per anni. Il tetto crollato e le travi marce necessitavano di riparazioni e sostituzioni. Parte del lavoro è stato svolto negli anni Settanta. Tuttavia, contemporaneamente alla ricostruzione degli interni della residenza di famiglia, a seguito delle azioni del fratello dell'architetto, l'appartamento del cocchiere è stato trasformato in una confortevole pensione. Al piano terra si trova un ampio soggiorno con angolo cottura e bagno, e al primo piano una camera da letto. Alla casa è stata aggiunta una tettoia in legno per il camino che è stata collegata con l'edificio del garage, creando un insieme architettonico coerente, che completa l'intero layout.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari