Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Fino a poco tempo, la villetta a schiera, nella quale oggi vivono i nostri ospiti, era composta da due piani residenziali, un seminterrato tradizionale e una tipica mansarda, per una superficie totale di circa 200 mq.
La cantina profonda era utilizzata solo per conservare carbone, patate e oggetti ridondanti o usati raramente. Al piano terra c'erano tre stanze, una cucina e una dispensa. Al primo piano - camere da letto e un bagno.
Secondo l'epoca
La storia di questo edificio può essere considerata tipica dell'architettura prebellica di Varsavia. Costruito negli anni '30 su un piccolo appezzamento di terreno a Żoliborz, doveva servire i suoi abitanti per decenni, fornendo loro alloggi modesti ma confortevoli e la compagnia di vicini culturalmente simili. Tuttavia, è stato gravemente danneggiato durante i bombardamenti di guerra. Ricostruita nel dopoguerra nella sua forma originale, è durata molti anni, perdendo gradualmente il suo antico fascino e aspettando tempi migliori.
Alcuni anni fa, i nuovi proprietari decisero di adattare la casa prebellica alle esigenze moderne. Ciò era legato alla ricostruzione della disposizione interna anacronistica e ad un cambiamento fondamentale nella destinazione dei precedenti piani di servizio (seminterrato e sottotetto), pur cercando di mantenere il carattere originale della sua architettura.
I proprietari erano determinati a demolire quasi tutti i muri divisori, con l'obiettivo di creare uno spazio omogeneo aperto al giardino.
Hanno dato questa disposizione generale all'architetto Wojciech Hermanowicz (amico privato dei membri della famiglia), a cui hanno affidato la cura della ricostruzione, dando allo stesso tempo la libertà di attuare questa idea.
Difficoltà di riqualificazione
Come di solito accade con i lavori di ristrutturazione, hanno incontrato difficoltà inaspettate ei proprietari hanno dovuto costruire la vecchia casa quasi da zero. Si è scoperto che durante la ricostruzione del dopoguerra, quando il tetto sopra la testa era importante e non l'adesione letterale agli standard di costruzione e ai principi di buon lavoro, sono state commesse molte negligenze diverse. La loro manifestazione più spettacolare erano i muri che non sostenevano muri verticali. Di conseguenza, è stato necessario demolire sia quelli che erano ridondanti che quelli che dovevano rimanere. Sono stati sostituiti anche tutti gli impianti, finestre e pavimenti. Il tetto era ricoperto di lastre di titanio. Per ottenere il massimo dello spazio libero è stata demolita l'ex scala,che a parere del progettista e dei proprietari occupavano troppo lo spazio prezioso della casa.
Solo dopo il completamento dei suddetti lavori è stato possibile iniziare a dare forma al nuovo interno.
Rivoluzione sotterranea
La vecchia, tipica cantina è stata trasformata in un locale tecnico e ricreativo. E 'presente un capiente armadio con parete a specchio, che ha permesso di alleggerire lo spazio intorno all'ingresso della casa. C'è anche una lavanderia ben attrezzata collegata con il cosiddetto una cucina sporca che consente di preparare pasti che richiedono tempo e facilita il lavaggio di più piatti. C'è anche un posto per un ripostiglio e una cantina. C'è una palestra nella parte centrale del seminterrato.
Sforzi per lo spazio
L'ingresso al palazzo conduce attraverso l'unica porta che si apre in modo classico. Tutti gli altri scivolano fuori, così come tutte le finestre. Scorrevoli sono anche le originali persiane in lastre di vetro color latte, che fungono da tendine.
- Questo è uno dei trattamenti grazie ai quali l'interno guadagna spazio. E questo è di particolare importanza in queste stanze relativamente piccole e poco profonde, spiega il designer.
Secondo le ipotesi, il piano terra crea un tutt'uno. Dalla porta d'ingresso c'è un'ampia vista attraverso il corridoio, il soggiorno sulla terrazza e più avanti nel giardino.
Le scale che portano al primo piano, come prima, si trovano lungo l'asse lungo dell'edificio. È solo che hanno ottenuto compiti aggiuntivi. La scala a vista, riparata, senza corrimano, terminante alla sommità con un pianerottolo vetrato, in contrasto con il prototipo informe e troppo grande, non ha solo una funzione di utilità, ma è anche un efficace elemento decorativo degli interni.
Alla loro destra c'è una sala da pranzo, il cui spazio è limitato solo da quattro esili cuboidi: armadietti con stoviglie e una batteria di alcol. Dall'altro lato delle scale c'è un angolo cottura con mobili disegnati da Wojciech Hermanowicz. Le scale modellate a pieni cubi, analogamente ai cuboidi che adornano la sala da pranzo, sono gli unici elementi lignei dell'arredo domestico.
Il soggiorno è decorato con un camino dall'aspetto sorprendente, che occupa l'intera lunghezza del muro. La sua forma insolita e allungata ha anche lo scopo di intensificare l'impressione di uno spazio allargato. Questa illusione non è disturbata dai pochi mobili riuniti qui, tutti di alta classe - come un tavolino fatto di un unico pezzo di lamiera d'acciaio o di una forma simile, anch'essa d'acciaio, chaise longue in pelle nera.
Camere su due livelli
La camera dei proprietari è prevista al primo piano. Dietro la parete di prua in testa al letto, gli armadietti estraibili per piccoli oggetti erano abilmente nascosti.
Il bagno è separato dalla camera da letto da un corpo quadrilatero che ospita un capiente guardaroba. La sua porta liscia, monocromatica e perfettamente abbinata è quasi invisibile sullo sfondo dell'intero corpo, il che rende l'armadio simile a una parete divisoria leggera e il suo enorme volume è quasi impercettibile.
Un ulteriore soggiorno si trova nell'ex mansarda. L'architetto chiama questa stanza un "loft". L'interno, composto da camera da letto, cucinino e bagno, è illuminato da una fila di finestre a nastro che si affacciano sul giardino. Dal "loft" si esce su un terrazzino appartato coperto di vino selvatico, invisibile dalla strada.
Il carattere uniforme di questo interno minimalista è enfatizzato dai colori nei toni del grigio e del bianco. Proprio come nel resto della casa, nessun accento di colore casuale o una forma diversa possono distruggere l'ordine e l'armonia architettonici. Questo è probabilmente il motivo per cui questo interno apparentemente bello da laboratorio è così accogliente e confortevole nella vita di tutti i giorni.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

Design oggi: i fratelli Campana

Fernando e Humberto Campana sono una coppia di designer creativi del Sud America e più precisamente del Brasile. Il loro cognome è tra i più importanti in ...…