Sommario

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

La strada di casa
Mi interessa da molto tempo l'etnografia e l'arte popolare. Mi ha dato l'ispirazione per le attività musicali. Ho spesso organizzato gite in bicicletta solitarie nei villaggi e nei musei all'aperto in tutta la Polonia. Sebbene vivessi a Varsavia, un giorno pensavo di nascondermi in una zona remota. Una volta ho fatto un viaggio del genere con Marta, che allora viveva a Łowicz. Vivere in un condominio era per lei, come per me, quasi una prigione. Prima di incontrarci, Marta ha acquistato un prato alla periferia della foresta di Bolimów, nella speranza che in futuro avrebbe lasciato la città. È successo solo quando il destino ci ha riuniti. Durante un viaggio in bicicletta in comune, abbiamo trovato un cottage deserto a Łowicz.Si trovava nel villaggio di Boczki Chełmońskie ed era più carina di altre case regionali. Più grande, con finestre semicircolari accanto a un portico scolpito, attirava gli occhi dei passanti. Curiosi della sua architettura, abbiamo chiesto ai proprietari della sua storia. E 'stato costruito nel 1900 ed è stato costruito dal miglior falegname della zona per conto di un ricco contadino che stava organizzando un matrimonio. Per motivi prestigiosi, il giovane (il cui padrino era Józef Chełmoński) aggiunse un ulteriore soggiorno (i tipici cottage rurali avevano solo due stanze: "nera" e "bianca", situate su entrambi i lati della sala centrale, e la cosiddetta camera),e commissionò una decorazione più elaborata del portico e della facciata dell'edificio con ornamenti in legno regionali.
I primi proprietari si sono presi molta cura della loro casa, ma poiché non avevano figli, dopo la loro morte è passata nelle mani della loro famiglia allargata. Era abbandonato diversi anni fa, quando i palazzi in mattoni divennero di moda nei villaggi, ma gli ultimi amministratori si dispiacevano semplicemente smantellarlo. Speravano tranquillamente che il museo all'aperto locale lo ricomprasse. Purtroppo, nonostante l'interesse delle autorità del museo, sul prezzo non è stato raggiunto alcun accordo e la capanna vuota ha continuato a deteriorarsi. Poi ci siamo presentati.
Le nostre idee per ridurre i costi di manutenzione
Quando abbiamo verificato che la casa è ancora in ottime condizioni, Marta e Marta hanno deciso di spostarla nel nostro prato.
Gli ultimi proprietari del rifugio ci hanno aiutato nel suo trasloco. Smontarono la casa ai suoi fattori primi e assicurarono (profondamente) agli agenti chimici ogni elemento di legno che era ancora utilizzabile. Siamo stati molto fortunati perché siamo riusciti a recuperare fino all'80% del vecchio materiale da costruzione.
Abbiamo convenuto che manterremo il carattere regionale dell'edificio, ma allo stesso tempo utilizzeremo metodi moderni di isolamento termico. Sulle fondamenta delle pietre da campo rinforzate con barre di acciaio, è stata realizzata una soletta di fondazione "calda" - su uno spesso strato di sabbia e un massetto magro in calcestruzzo, sono stati posati: feltro isolante, 5 cm di polistirolo e un altro massetto in calcestruzzo. Durante la finitura degli interni, mettiamo un secondo strato di polistirolo (5 cm) tra i travetti. Al fine di minimizzare i costi degli impianti idrici e dello smaltimento delle acque reflue nella fossa settica, durante la costruzione delle fondazioni, abbiamo installato un nodo idraulico nel solaio che porta da un pozzo profondo scavato vicino alla casa alla cucina e bagno adiacenti.
Sapendo che le case di legno sono calde finché il vento non inizia a soffiare, abbiamo attaccato la lana minerale (15 cm) e una spessa pellicola antivento all'esterno delle pareti fatte di tronchi spessi (15 cm), e abbiamo finito il tutto con una tavola di assi (attaccata con una scanalatura). Sotto la tegola bituminosa del tetto (montata su carta, cartone e foglio permeabile al vapore) mettiamo lana minerale di 15 cm di spessore, pellicola antivento e cartongesso.
I soldi non sono poi così male
Abbiamo deciso di riscaldare la casa con una stufa a carbone e due stufe in maiolica. Abbiamo calcolato che sono i più economici sia nella costruzione che nel funzionamento. Abbiamo verificato con gli amici che stiano al caldo tutto il giorno. A nostro avviso, sono anche i più belli e adatti al cottage regionale. Non abbiamo deciso per il riscaldamento elettrico, l'allacciamento alla rete del gas era impossibile e il riscaldamento con olio combustibile o gas liquido escludeva elevati costi di investimento e di esercizio. Mentre ci preparavamo per il montaggio della stufa, abbiamo acquistato vecchie piastrelle nei villaggi (di solito pagando 1/3 del prezzo di quelle nuove). Ne avevamo bisogno molte: 300 piastrelle per ogni stufa e altre 100 per l'alloggiamento della cucina a carbone.
Abbiamo rinunciato a mettere le stufe in ogni stanza a favore di due grandi stufe situate (simili a camini) simmetricamente su entrambi i lati del corridoio. Li abbiamo costruiti nelle pareti delle stanze adiacenti, in modo che ogni stufa riscaldasse fino a tre stanze, e il focolare si affacciava sull'atrio. Abbiamo collegato il corridoio di passaggio, volutamente rivestito in cotto (per una più facile pulizia), con il deposito di carburante attraverso il terrazzo coperto, particolarmente comodo in inverno. Abbiamo portato il calore alle stufe della soffitta attraverso i tubi della serpentina installata nella cucina a carbone, su cui riscaldiamo la cucina e ci cuociamo i piatti.
Durante l'anno bruciamo fino a tre tonnellate di carbone e fino a 10 m3 di legna. Acquistiamo legna da una guardia forestale (per 40-60 / m3) o la riceviamo dai nostri vicini gratuitamente. Il prezzo del carburante non ha mai superato i 1800 all'anno.
Siamo contenti che finalmente nel nostro villaggio sia stata realizzata una rete idrica e che grazie ai sussidi dell'UE collegarvi la nostra casa sia costato solo 1000. Ora ci manca solo il sistema fognario, perché i costi di rimozione delle fosse settiche sono alti. Attingiamo l'acqua dalla rete idrica e dai pozzi. Usiamo questo pozzo principalmente per annaffiare il giardino.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Messaggi Popolari

PATTERNS - Fiera del design di Varsavia

Il 22 giugno, le opere più interessanti di giovani designer saranno presentate nei moderni interni e nel giardino del Centro Culturale Praga Południe a Varsavia.…